L’altro Carnevale: un viaggio strano, curioso, forse mai visto

  • destinazione: - - -
  • Mete del mese - Top list

    Ormai conoscete Venezia e Rio come le vostre tasche? Volete cambiare aria e festeggiare un Carnevale alternativo? Quest’anno organizzate un viaggio in una di queste nuove mete: qui il Carnevale saprà ancora come stupirvi!

    Carnevale: un'innocente sorpresa!
    Carnevale 2019: l’anno giusto per rimanere a bocca aperta!

    Carnevale in battaglia

    Non a tutti piace passare il Carnevale tra carri, parate, coriandoli e stelle filanti. C’è chi preferisce scendere in piazza e darsele di santa ragione… a colpi di arance, caramelle e farina colorata!

     

    Arance come pallottole a Ivrea, Piemonte

    Carnevale di Ivrea, battaglia delle arance
    Carnevale di Ivrea, storica battaglia delle arance

    Squadra che vince non si cambia, dal 1808. Da questa data, il comune di Ivrea festeggia ogni anno lo storico Carnevale. Lo fa con la memorabile battaglia delle arance, che ha luogo sempre di pomeriggio, durante gli ultimi tre giorni di festa: la domenica, il lunedì e il Martedì grasso. La battaglia  avviene lungo le principali vie e piazze della città, tra i tiratori (detti ‘aranceri’) sui carri e le nove squadre di aranceri che sfilano a piedi. Alla fine di queste tre faticose giornate di guerriglia, le squadre più meritevoli sono premiate da una giuria speciale. Kit di sopravvivenza obbligatorio per gli spettatori: un semplice berretto rosso. Indossarlo vi farà distinguere dagli aranceri e vi eviterà di essere colpiti!

     

    Merengada e caramelle a Vilanova i la Geltrú, Spagna

    Carnevale di Vilanova i la Geltrú, Merengada ©Billkman
    Carnevale di Vilanova i la Geltrú, Spagna: Merengada

    Solo nella città catalana di Vilanova si combattono guerre a colpi di dolci proiettili. La battaglia si apre con la Merengada del Giovedì grasso: un vero e proprio esercito di piccoli e grandi guerrieri fa la scorta di merengada – una bevanda dolce a base di latte, albumi, zucchero e cannella – e si aggira per le vie della città, pronto a scatenare l’inferno. Ma non è finita qui! Per i sopravvissuti alla Merengada, la golosa battaglia continua anche la domenica. In tarda mattinata, dopo l’allegra e coloratissima sfilata di maschere, Plaça de la Vila si trasforma in un campo di battaglia e inizia la guerra di caramelle: una raffica di proiettili multicolori investe la città e colora le sue vie.

    Variopinte nuvole di farina a Galaxidi, Grecia

    Carnevale di Galaxidi, Grecia: battaglia di farina
    A Galaxidi, Grecia, il Carnevale si festeggia con la battaglia di farina

    Non è lo scenario apocalittico di un futuro lontano, ma l’impronunciabile ‘alevromoutzouromata’: è così che gli abitanti di Galaxidi chiamano la tradizionale battaglia di farina, che dal 1801 contraddistingue il Carnevale di questo piccolo paesino greco. Il Lunedì grasso, gli agguerriti abitanti di Galaxidi si riversano lungo la strada che costeggia il porto e si bombardano di farina colorata. Un’usanza davvero singolare, e che spettacolo!

    Un Carnevale da brividi!

    Pensavate di poter dare sfogo al vostro spirito dark solo ad Halloween? Niente di più sbagliato! Per ripetere un’esperienza davvero horror vi basterà partecipare a queste feste di Carnevale. Rimarrete senza parole (dal terrore!)

     

    Tra Mamuthones, Issohadores e lanci della corda ‘propiziatori’ a Mamoiada, Sardegna

    Carnevale di Mamoiada, Mamuthones e Issohadores
    Carnevale di Mamoiada, i Mamuthones sono accompagnati dagli Issohadores che impugnano la corda di vimini ‘propiziatoria’

    Nata all’inizio del XIX secolo come rito propiziatorio per il raccolto e l’allevamento, la tradizionale manifestazione carnevalesca di Mamoiada unisce perfettamente il grottesco e lo spiritoso. Anziché i soliti costumi variopinti e sgargianti, gli abitanti di Mamoiada si trasformano in Mamuthones, indossano una pelliccia di pecora e una maschera nere, e sfilano danzando per le vie della città, a ritmo dei pesanti campanacci che portano sulla schiena. Un’atmosfera da paura! Ma a tirare su il morale ci pensano i più colorati e luminosi Issohadores, pastori dalla divisa rossa e dalla maschera bianca, che danno vita al momento più scherzoso e singolare del corteo: il lancio del laccio di vimini. È un gesto antico e propiziatorio, che ha lo scopo di tirare a sé le giovani donne del pubblico in segno di buon auspicio e di fertilità.

    Le sfilate dei Mamuthones e degli Issohadores si ripetono, a seconda del calendario annuale, dall’apertura del Carnevale di Mamoiada fino al Martedì grasso.

    Il ‘diabolico’ Carnevale di Oruro, Bolivia

    Carnevale di Oruro, Bolivia: Diablada
    Carnevale di Oruro, Bolivia: Diablada

    Più di duecento anni fa, a Oruro, l’unione tra motivi cristiani e pagani ha dato origine alla Diablada, la ‘danza dei diavoli’. Nato come richiamo di Madre Terra (Pachamama) e del Dio degli inferi (Tio Supay) per celebrare il trionfo del bene sul male, questo rituale indigeno si è poi trasformato in una delle manifestazioni folkloristiche più famose ed esclusive del mondo. Si è così meritato il riconoscimento Unesco di capolavoro del patrimonio orale e immateriale dell’umanità. Non ci credete? Avete tre giorni e tre notti per farvi catturare dallo straordinario e sgargiante Carnevale di Oruro. Ne rimarrete ammaliati!

    Ritorno al Medioevo nella regione del Baden-Württemberg, Germania

    Carnevale svevo-alemanno della Germania sudoccidentale, maschera della strega
    Carnevale svevo-alemanno della Germania sudoccidentale, qui di streghe se ne intendono!

    ‘Narri, Narro!’ Sembra l’inizio di una filastrocca, ma è il motto che riecheggia nelle giornate di festeggiamento del Fastnacht, il Carnevale svevo-alemanno della Germania sudoccidentale. Streghe, demoni, giullari e altre spaventose figure della cultura popolare tirano fuori i loro costumi dal gusto grottesco e animano la festa! Tra le numerose manifestazioni di questo storico Carnevale – che affonda le sue radici nel lontano Medioevo – spiccano soprattutto le parate delle maschere tradizionali (Narrenzüge) e gli spettacoli delle streghe. A Bräunlingen, ad esempio, nel weekend precedente il Martedì grasso si festeggia la ‘domenica delle streghe’ (Hexensonntag): le vie del centro si popolano di terrificanti donne in maschera che tra sfilate, giochi e falò portano con sé il vero spirito germanico di questo antico Carnevale. A Bad Waldsee invece, allo scoccare della mezzanotte che dà inizio al Giovedì grasso, si apre la danza delle streghe attorno al tradizionale falò. Per scacciare queste oscure forze delle tenebre, ai balli si uniscono anche i Faselhannes, benevole creature travestite di bianco, e finalmente il bene trionfa sul male: ‘Narri, Narro!’

     

    Carnevale delle Meraviglie

    Lasciatevi trasportare dalla fantasia e tornate bambini per qualche giorno. Tra castelli di ghiaccio, pifferai magici e aringhe che piovono dal celo, vi sembrerà di vivere in una fiaba!

    La magia della neve a Québec, Canada

    Carnevale di Québec, Canada: castello di ghiaccio
    Carnevale di Québec, Canada: castello di ghiaccio

    Ogni anno, durante il periodo di Carnevale, la città di Québec si trasforma in un luogo incantato. Sotto una candida coltre di neve, la città si accende e diventa teatro del più grande spettacolo invernale al mondo: un lungo scivolo sulla neve, luminose sculture e castelli di ghiaccio prendono forma, e la città si ravviva proponendo un’ampia gamma di attività. Dalle più estreme e avventurose alle più tranquille, avrete l’imbarazzo della scelta: tra corse in slittino, bagni nelle neve (sì, avete letto bene!), gare di canottaggio, pattinaggio, musica, balli, parate e workshop di sculture di ghiaccio, non c’è di che annoiarsi!

    Pifferai magici tra le strade di Basilea, Svizzera

    Carnevale di Basilea, Svizzera: 'Morgenstreich', la sfilata dei musicanti
    Carnevale di Basilea: durante il ‘Morgenstreich’ i musicanti sfilano per le vie delle città a suon di pifferi, trombe e tamburi

    Nella notte del lunedì successivo al Mercoledì delle ceneri, alle quattro in punto, suoneranno le campane. Vi sembrerà di risvegliarvi in un sogno e di essere catapultati in mondo fatato… Tutte le luci sono spente e la città è immersa nel buio. Restano accese solo le lanterne colorate degli eccentrici musicanti, che al suono di pifferi, trombe e tamburi illuminano e animano le vie di Basilea… Vi risveglierete da questo sogno solo il giovedì, quando, di nuovo alle quattro in punto, le campane suoneranno la fine di questi fantastici festeggiamenti. Un’esperienza onirica!

    Sotto un mare di ombrelli e aringhe a Dunkerque, Francia

    Carnevale di Dunkerque, Francia: una marea di ombrellini colorano la sfilata
    Carnevale di Dunkerque, Francia: una marea di ombrellini colorano la sfilata

    Rispolverate gli ombrellini e tirate fuori i vostri vestiti più sgargianti. Per i signori: procuratevi un bella gonna e… si parte! Questa volta in direzione Dunkerque, dove ogni anno si festeggia il Carnevale più burlesco del mondo. La festività risale all’inizio del XVII secolo, quando gli armatori iniziarono a organizzare banchetti e momenti di baldoria in occasione dell’imminente partenza dei marinai per la pesca del merluzzo. Lo spirito gioioso e scherzoso di quest’antica tradizione sopravvive ancora oggi, e ogni anno, nei giorni precedenti il Martedì grasso, la città portuale di Dunkerque si trasforma in un continuo viavai di bizzarre manifestazioni folkloristiche. Le sfilate in costume sono diventate famose in tutto il mondo: oltre alle maschere più tradizionali e ai travestimenti più strampalati, nel corteo si vedono sfilare una marea di ombrellini, sorretti su lunghi pali, e uomini dal look tutto particolare… che si vestono da donna! Durante la sfilata, preparatevi ad aprire l’ombrello: verrete travolti da una pioggia di aringhe affumicate, tradizionalmente lanciate dalle alte balconate in ricordo dei vecchi marinai. Dunkerque o Paese dei Balocchi?

    Potrebbe interessarti

    • Antica e moderna, tranquilla e attiva, dotata di sensibilità artistica e commerciale, provinciale e cosmopolita: ecco gli aggettivi che riassumono l’atmosfera che si respira nella ”Venezia del Nord“. Con un patrimonio monumentale che conta quasi 8500 edifici, Amsterdam vanta la maggiore densità di monumenti storici dell’intero paese. Dal 2010 la…
    • Vivace, impertinente e straordinariamente popolare: ecco a voi i 5 motivi per visitare Varsavia, la sorprendente capitale della Polonia. Articolo di Peekaboo Travel Baby Da Parigi dell’Europa dell’est a città “fenice” Prima che i devastanti effetti della II Guerra Mondiale la deturpassero orribilmente, Varsavia aveva l’appellativo di “Parigi del nord” per…
    • Non è una domanda facile, poiché le abitudini cambiano molto a seconda della destinazione: per evitare gaffe nel vostro prossimo viaggio, ecco un elenco delle usanze nei maggiori paesi europei. Leggete qui la seconda parte, dedicata al resto del mondo. Austria e Germania È consuetudine lasciare un 5-10% del conto…