Australia… e andarci a vivere?

I consigli di chi ci vive - Interviste

Il Pianeta Rosso non ha perso un briciolo del suo magnetismo: non solo attira turisti da ogni dove, ma anche persone decise ad andarci a vivere. Che cosa le affascina? E, soprattutto, come si fa a realizzare il sogno? Per saperlo non perdete questa intervista a un’italiana che ce l’ha fatta.

Perth, Skyline & Bike © Anna Disegna
Intervista a Anna Disegna, blogger di La tartaruga volante

 

1. Parlaci un po’ di te. Che cosa ti ha spinta in Australia?

Ciao, sono Anna e da 3 anni vivo a Perth nel Western Australia. Ho scelto l’Australia perché volevo realizzare un sogno: fare la reporter, giornalista, fotografa ed esplorare il mondo. Ma avevo mille dubbi, tanti “se e ma”, e soprattutto paura di cambiare. Ma non si può lasciare che sia la paura a decidere. Non si può vivere di compromessi e sogni chiusi in un cassetto. Così, è scattata la molla. Ho inoltrato richiesta di visto. Dopo un anno e mezzo, quando oramai avevo perso ogni speranza,  è arrivata una email con scritto “la sua domanda di visto è stata accettata. Deve entrare in Australia entro due mesi”.  Panico. Biglietto di sola andata e via. Ed è così che è iniziata la mia nuova vita.

L’Australia non è stato un caso, ma una scelta ponderata. Un paese che ha i deserti, le spiagge, i paesaggi che amo, che mi fanno star bene e animali che mi fanno sentire viva. Un paese a volte ancora “selvaggio”, ma che ha tutto ciò che serve per vivere bene. Un equilibrio quasi perfetto.

 

2. Perché hai scelto proprio Perth?

La prima volta che ho visitato l’Australia è stato quasi venti anni fa e l’ho girata tutta, come un canguro, saltando di qua e di là. Ed è così che ho scoperto il Western Australia. Ci sono poi ritornata una seconda volta e un’altra ancora, e ogni volta mi sentivo come a casa.  Di solito quando viaggio, ritorno a casa felice del viaggio, ma anche felice di ritornare a dormire nel mio letto. Dal WA invece, ritornavo a casa con una valigia colma di maliconia.

Perth è una città accogliente, non posso definirla vivace, è tranquilla, pacata, come tutto il Western Australia. Qui c’è poca gente, tanto verde e un oceano pazzesco. Ed è qui che si vedono dei tramonti spettacolari, i più belli che abbia mai visto. Se il sole ha scelto questo posto per riposare, significa che è proprio un bel posto, che ne dite?

 

3. Qual è stata la difficoltà più grande che hai dovuto affrontare?

Tramonto ai Pinnacoli © Anna Disegna

Quando si cambia casa ci sono mille cose a cui fare attenzione. Se oltre a cambiare casa si cambia paese, continente ed emisfero, le difficoltà si moltiplicano. Ma alla fine tutto ha trovato il suo posto.

Fra tutte le difficoltà, la prima è stata “impacchettare” tutta la mia vita in 44 scatoloni, che dovevano passare la dogana australiana. Avete presente la serie di Airport Security? Ecco, ho lavato e lucidato ogni paio di scarpe, tolto qualsiasi cosa avesse anche il minimo ricordo di legno e incrociato le dita.

La difficoltà più grande che invece ho trovato qui, è stato accettare un modo di vita diverso. La gente a Perth è gentilissima e carinissima, ma non va oltre. A domanda rispondono. Non sono curiosi come noi italiani. Non sono abituati a chiacchierare e fare mille domande. La prima volta credevo di sbagliare qualcosa, invece la gente è così. Qui la gente ti regala l’anima se può, ma non chiede nulla.

 

4. Le tre destinazioni da non perdere in Western Australia?

Perth by night © Anna Disegna

Il Western Australia è quasi 7 volte l’Italia, è davvero enorme, me ne sto rendendo conto ora, che per fare un “giretto” faccio minimo 800 chilometri!

Il Western Australia offre paesaggi diversissimi e tutti affascinati. Dall’oceano azzurro, alla sabbia color arancione, passando per laghi rosa e foreste di eucalipti alti 70 metri. È difficile scegliere 3 luoghi da non perdere, ma ci provo.

Primo, Shark Bay, un area a nord di Perth (800 chilometri), Patrimonio dell’Unesco, dove al posto della sabbia ci sono conchiglie, al posto delle onde, ci sono i delfini e le dune sono color del sole al tramonto.

Shark Bay © Anna Disegna

Un secondo luogo imperdibile è a sud, ovvero le spiagge incontaminate e abbaglianti di Esperance. Lucky Bay in particolare ti lascia senza respiro, talmente unica e affascinante che vengono a prendere il sole anche i canguri.

Lucky Bay © Anna Disegna

Ultimo posto è Rottnest Island, Rotto per i locali, un isola a pochi chilometri da Perth famosa per i suoi unici abitanti, i quokka. I piccoli e furbi marsupiali che sembrano sorridere sempre.

 

5. Parliamo di cibo! Street food, ristoranti, a casa di amici: dove e come si mangia a Perth?

Signori, il quokka © Anna Disegna

In Australia quando si parla di cibo la prima cosa che viene in mente è il BBQ,  la passione di ogni australiano. A Perth ci sono centinaia di parchi, dove giocare a cricket , camminare, ma soprattutto dove fare pic-nic con l’immancabile barbecue. Ecco allora mega salsicce, ananas alla griglia e patate dolci.

Il secondo rituale è il Fish and Chips, patate e pesce fritti. Si ordina la porzione, lo servono su un foglio di carta bianco (non molti anni fa usavano i fogli di giornale) e poi lo si mangia stando seduti sulla spiaggia davanti all’oceano, quardando uno dei tanti tramonti che infuocano i cieli di Perth.

Infine c’è un altra abitudine molto simpatica, ovvero ritrovarsi in spiaggia o nei parchi in occasione di qualsiasi cosa: dalle feste di compleanno, all’estate che se ne va, all’autunno in arrivo, alla nascita di un koala o all’apertura di una nuova strada. In ognuna di queste occasioni ci si trova nei parchi, ognuno porta qualcosa e tutti condividono tutto. Bello, vero? 

Naturalmento essendo Perth, come tutta l’Australia, una società multiculturale, si trovano cucine di tutto il mondo, dall’italiana alla thailandese, passando per la coreana  e l’himalayana.

 

6. Il viaggio più bello che hai fatto o vorresti fare nel Pianeta Rosso?

Perth, vocazione per i parchi © Anna Disegna

I viaggio più bello che ho fatto è stato nel Western Australia e in particolare lo scorso Natale, quando siamo stati al Lake Ballard (il racconto lo puoi trovare qui). È stato un viaggio difficile, in mezzo a migliaia di mosche e un caldo infernale. Abbiamo vissuto il vero “on the road”: terra rossa, laghi salati di un bianco accecante, città fantasma e tanta tanta polvere. Non sono mai stata così felice.

Tramonto a Trigg Beach © Anna Disegna

Il viaggio che sogno di fare? È il viaggio con la “V” maiuscola, ovvero attraversare l’Australia percorrendo la “Longest shortcut”, la più lunga scorciatoia al mondo, che va da Laverton a Winton, oltre 2700 chilometri. Fino a pochi anni fa era obbligatorio essere in un convoglio di almeno 2 auto 4×4. Oggi la stanno sistemando, hanno costruito delle Roadhouse dove fare benzina, ma la prima parte è ancora sterrata e in alcuni periodi all’anno, impraticabile. Il sogno sarebbe quello di attraversarla tutta e da li fare il giro di tutta l’Australia, toccando tutti e 8 gli stati. È un sogno che richiede mezzi, ma soprattutto richiede almeno 4 mesi di tempo. Chissà se un giorno riuscirò a realizzarlo.

Potrebbe interessarti

  • Sì lo sappiamo: l’Australia non è esattamente la prima meta che balza in testa quando si dice “low cost”. Eppure, anche nel Pianeta Rosso si possono abbattere le spese di viaggio con qualche accorgimento e un po’ di spirito di adattamento ed avventura. Uluru all'alba, apparizione nell'Outback Articolo di Travel…
  • Vi sveliamo dieci piccoli e grandi segreti per vivere il viaggio perfetto. Con una sola richiesta: non teneteli tutti per voi, fateli girare. 1. Orientatevi, con la carta giusta Vi sarà capitato di giocare almeno una volta a Scotland Yard o a un gioco di società in cui serva una…
  • Le Fiandre promettono bellezza, divertimento, arte e un pizzico di sana vertigine. Mantengono sempre la parola, ma nel 2018 la loro tentazione da allettante diventa irresistibile. Ecco un bel po’ di idee per mettersi subito in viaggio.   Anversa, il Barocco è vivo! Nel 2018 questa città creata dal genio…