Barcellona, 5 curiosità che ti colpiranno.

Vita in città

Amare Barcellona è così semplice che ogni scusa è buona per prenotare un volo e ripresentarsi al suo splendore, e di occasioni per farlo se ne trovano sempre, perché c’è sempre un buon motivo per ritornare da lei.

Barcellona, un bel colpo d’occho

Articolo di Cristina Rampado, blogger di Crinviaggio.com

Per chi ci va per la prima volta o per chi la conosce come le proprie tasche, Barcellona nasconde tra le sue strade e opere, curiosità che mai avremmo pensato. Da oggi avrete cinque ragioni in più per far la valigia e partire!

 

Un mondo sotterraneo da scoprire

Quando ho scoperto che sotto Barcellona esiste un mondo sotterraneo, ne sono rimasta affascinata. Se anche voi, come me, amate gli edifici abbandonati e pieni di mistero, non potete perdervi tutto quello che si trova sotto i vostri passi mentre camminate per la città: labirinti, grotte, tunnel medioevali, rifugi di guerra e stazioni fantasma (ben 12 ) che nascondono un’infinità di storie… da brividi!

Uno dei rifugi antiaerei superstiti, visitabili e imperdibili è il Refugi 307. Il suo ingresso lo potete trovare a Nou de la Rambla ed è costituito da quattrocento metri di gallerie. Un memoriale della lotta alla sopravvivenza durante la guerra.

 

Il Camp Nou è lo stadio più grande d’Europa

Barcellona, il Camp Nou  

Sede del FC Barcelona (o il grande Barça), lo stadio Camp Nou è il più grande costruito in Europa e udite udite, il terzo più grande al mondo. Si può ovviamente visitare anche al di fuori delle giornate di partite ed è un’esperienza imperdibile per gli amanti del genere. Lo stadio può contenere circa centomila persone durante una partita di calcio, vi immaginate cosa può essere? Inoltre, è possibile vedere anche il museo Fc Barcelona, nemmeno a dirlo uno dei più visitati della città.

 

Barcellona ha spiagge solo dal 1992

Barcellona, Fronte del porto

Sembra impossibile immaginarlo, ma Barcellona fino al 1992 non aveva spiagge in cui prendere il sole, fare jogging o semplicemente passeggiare ascoltando le onde del mare. Al loro posto c’erano grandi fabbriche, che sono rimaste fino al momento in cui la città è stata scelta per ospitare i Giochi Olimpici ed è quindi stato deciso di traslocare le industrie in un luogo diverso dal lungomare. Ora questo spazio urbano tutto trasformato ci piace molto tra ristoranti, bar e attività da fare tra la brezza marina.

&nbsp,

Plaça Reial de L’Ombra del Vento

Se non avete ancora letto L’Ombra del Vento di Zafón vi invito a farlo prima di intraprendere il vostro viaggio a Barcellona. Troverete tanti spunti, reali e non, per visitare una città tra le pagine di un libro.

Plaça Reial è la bellissima piazza con le palme ed è il posto dove Daniel va a leggere i libri a Clara, la meravigliosa nipote di Don Gustavo Barcelò. Daniel descrive l’appartamento di Clara come un “susseguirsi di corridoi, saloni e verande”.  Sempre Daniel, in questa piazza incontra Fermin Romero de Torres, il mendicante, straordinario e anticonformista, che diventerà oltre che aiutante della libreria Sempere, anche suo caro amico.

 

La Sagrada Familia ha 137 anni e non è ancora stata completata

Barcellona, la Sagrada Familia

Gaudì subentrò ai lavori della grande chiesa un anno dopo che fu posata la prima pietra dall’architetto Francisco de Paula del Villar. Gaudì dedicò a questa opera più di quarantatré anni. Dal 1914 fino alla fine dei suoi giorni consacrò la sua vita lavorativa esclusivamente a lei, senza però riuscire a finirla.

Dopo la sua morte i lavori proseguirono a rilento: benché finanziati con le donazioni, furono spesso interrotti anche a causa della guerra, durante la quale una parte della cripta andò bruciata.

I lavori continuano ancora, a rilento, grazie anche al finanziamento che arriva dai biglietti d’ingresso. Dico a rilento perché molto spesso sono ostacolati dalla folla dei molti turisti che arrivano da ogni parte del mondo per ammirare la grande opera… incompleta.

Potrebbe interessarti

  • Alcuni suggerimenti per non avere brutte sorprese e per non sentire un sapore sgradevole addentando la Grande Mela. New York, godetevi serenamente questa meraviglia Attirare l'attenzione dei borseggiatori Oggi New York, e soprattutto Manhattan, non è più pericolosa di una grande città italiana. Tuttavia, non è consigliabile portare con sé…
  • Anche a Londra, l'ipercinetica e sorprendente capitale dell'altra Europa, ci sono alcune cose da evitare per vivere felici e contenti, anche in viaggio. Guidare in città Portare l’auto a Londra non è una buona idea: la rete stradale è caotica, le tariffe dei parcheggi a più piani sono folli (fino…
  • La piccola capitale della Lituania non è la prima città che viene in mente di visitare in inverno, ma non c’è nulla di più sbagliato di pensare che se un luogo non è famoso allora non è interessante. Vilnius è affascinante. Se le darete una chance, scoprirete una città ricca…