Intervista con la blogger: Manuela Vitulli

  • destinazione: -
  • Interviste

    Napoli, un museo che vive! Dopo averne parlato con due napoletani doc, Nicola e Rossella, ecco la versione di Manuela Vitulli, giovane viaggiatrice che si sta facendo notare con il suo organizzatissimo blog Pensieri in Viaggio. La città dalle infinite sfumature, che si fa amare e odiare contemporaneamente, non può proprio lasciare indifferente chi del viaggio vuole fare un mestiere; e infatti…

    Sono io!

    Raccontaci in poche parole chi sei e il tuo blog.

    Mi chiamo Manuela, sono pugliese e amo scrivere, viaggiare e – da un po’ di tempo a questa parte – fotografare. Il mio blog è nato nel gennaio 2013 da un’urgenza di scrivere e condividere le mie esperienze di viaggio, le mie foto, le mie emozioni e, non in ultimo, i miei pensieri sparsi su tematiche che mi stanno a cuore.

    Cosa ti ha colpito di più d Napoli, per cosa la ricorderai? Così, di getto e senza pensarci troppo!

    Napoli è un palcoscenico d’arte. È poesia, colore, vita, capacità di reinventarsi continuamente. La ricorderò per la confusione per strada e per il traffico insopportabile, ma soprattutto per il tesoro e la poesia che racchiude all’interno dell’involucro duro e all’apparenza ostile.

    Il locale caratteristico dove mangiare tipico (e cosa si mangia!)

    Un locale dove si mangia tipico? Non posso che pensare alla pizza! Non c’è posto migliore di Napoli per provare una pizza indimenticabile. Oltre alle celebri “Sorbillo” e “da Michele”, consiglio caldamente la Pizzeria Lombardi, che dal 1892 tramanda di generazione in generazione l’arte della pizza. Il locale è caldo e accogliente e ricorda la Napoli di tanti anni fa in modo che i clienti possano assaporare l’autentica atmosfera partenopea.

    Un posto particolare dove dormire (e magari economico)?

    Il Pinto-Storey Hotel è un posto molto particolare per dormire e con un ottimo rapporto qualità-prezzo. Situato in una zona residenziale di Napoli, è un edificio in stile liberty da cui si può godere di uno splendido panorama.

    Il consiglio low budget (meglio se gratis)?

    Prendendo la funicolare dal centro storico ci si può immergere in una Napoli diversa, molto più intima e silenziosa. Al Vomero si può godere di una splendida vista sulla città. Io ci sono stata al tramonto e conservo un bellissimo ricordo.

    Dove si può passare una serata alternativa?

    Per una serata alternativa e indimenticabile la mia amica Marika mi ha consigliato la Trattoria da Nennella, un posticino casereccio nel cuore dei quartieri spagnoli di Napoli. Non la solita trattoria, ma un posto in cui il cibo tradizionale e genuino viene servito con calore, ospitalità e tanto divertimento.

    Il souvenir imperdibile da portare con sé a casa?

    Napoli è piena zeppa di souvenir. Basta fare un giro per la città per perdersi tra calamite, cornetti e altri oggettini folkloristici. Per me un souvenir sobrio e particolare può essere una statuina del presepe acquistata in una delle famose botteghe artigiane in via San Gregorio Armeno. Se poi la statuina vi fa pensare troppo al Natale, nelle stesse botteghe è possibile trovare dei bellissimi Pulcinella fatti a mano.

    Potrebbe interessarti

    • Tra i viaggiatori che preferiamo c'è la categoria di chi osa: chi gira quell'angolo, chi entra da quella porta, chi assaggia senza paura. Quando poi questi temerari diventano blogger dalla penna sciolta cresce la voglia di ospitarli sul nostro blog: Paola Annoni, attraverso il suo scusateiovado.com, racconta la sua nuova…
    • di Silvia Demick, The Food Traveler La Svizzera non è forse la prima destinazione che viene in mente quando si pensa al turismo enogastronomico. Tuttavia, quello che molti non sanno è che il piccolo paese ha un patrimonio culinario ricchissimo. Le ricette variano molto da un cantone all’altro: le divisioni…
    • Destinazione nord! Il nord russo, il nord a metà tra Europa occidentale e Europa orientale, il mondo degli zar e dei romanzi dell'ottocento. Si va a San Pietroburgo, la città che dopo le dure prove del XX secolo, sta vivendo un fermento culturale e economico sempre dotata della sua eleganza…