Chi ci vive: Genova e la Liguria

  • destinazione:
  • I consigli di chi ci vive

    © Luigi Rosa

    Il primo sole di aprile ci invita a spalancare le finestre e a stare all’aria aperta. E chi non vorrebbe spalancare le finestre davanti al mare?

    Chi non ha questa fortuna può però permettersela con poco. Basta raggiungere una delle regioni più belle della nostra Italia, la Liguria: qui potete immergervi nei vicoli di Genova, godervi il mare della Riviera, gustare un’ottima e sana cucina e, ve lo raccomandiamo, fatelo sempre con un calendario di sagre e feste paesane alla mano: ce ne sono per tutti i gusti, dove poter cogliere lo spirito del luogo, gustare i prodotti locali e divertirvi con la gente del posto. E a proposito di gente del posto, ci siamo fatti raccontare un po’ di Liguria da Chiara De Vito di www.turismoinliguria.it che la Liguria, un po’ perché ci è nata, un po’ perché è la sua materia di lavoro ogni giorno, la conosce a fondo e ama raccontarla agli altri.

    Raccontaci in poche parole chi sei e perché ci parli di Genova

    Sono una viaggiatrice curiosa ed affascinata da tutto ciò che è autentico, buono ed insolito. Sono alla costante ricerca di tutte quelle realtà da scoprire e riscoprire , amo condividerle, fissarle nell’anima per sempre. Nata in una domenica soleggiata d’estate a Genova, mi occupo di promozione e marketing territoriale, ovvero quanto di quanto più bello al mondo esista per me: promuovere la mia Liguria!

    Il primo posto dove porti chi ti viene a trovare?

    Campo Pisano, Genova © Foto Archivio Agenzia in Liguria

    Genova è un città ricca di forti contrasti e sicuramente i Carruggi (i vicoli) del centro storico più grande d’Europa ne sono il cuore pulsante. Un antico labirinto di viuzze strette, dove “perdersi” tra negozietti di tutti i tipi, botteghe storiche e  Palazzi dei Rolli, edifici nobiliari riconosciuti anche come sito Unesco e Patrimonio dell’Umanità. Un’antica città di porto, un mix tra architetture medievali e una qasba a cielo aperto. E’ uno di quei posti che non ti aspetti, che si svela piano piano, ma altrettanto velocemente ti colpisce per la sua varietà multiculturale.

    Il locale caratteristico dove mangiare tipico (e cosa si mangia!)?

    La tradizione culinaria ligure è viva in tutta la città, un po’ dovunque si possono degustare i nostri piatti tipici. Nei vicoli si possono trovare numerose  trattorie, dove poter soddisfare il palato con le torte salate di verdurala farinata di ceci, oltre che naturalmente il principe della cucina ligure, il pesto!

    Torta Pasqualina © Foto Archivio Agenzia in Liguria

    Una storica “sciamadda”( “fiammata”, per via del forno a legna molto caldo) è sicuramente “Sa Pesta” in Via dei Giustiniani 16: è imperdibile per un viaggio nei sapori autentici.

    L’attività preferita dagli abitanti del luogo?

    Boccadasse © Foto Archivio Agenzia in Liguria

    I genovesi sono amanti dell’aria aperta e del mare, del resto siamo un popolo di navigatori! Appena abbiamo cinque minuti liberi andiamo sugli scogli di Boccadasse a mangiare un gelato o un pezzo di focaccia, godendo del panorama unico che ci circonda. E sembra di essere subito in vacanza.

    Il consiglio low budget?

    Genova è una città in verticale, con saliscendi infiniti. Andando per una  tipica creuza (stradina) ci si puo’ imbattere in panorama mozzafiato che domina tutta la città. Se avete poco tempo o non volete scarpinare più di tanto, utilizzate i numerosi ascensori, funicolari e cremagliere, ad esempio l’ascensore di Castelletto, la funicolare Zecca Righi, l’ascensore di Montegalletto. Il biglietto è molto economico e così avrete un altro modo di visitare la “Superba”, come Genova era chiamata al tempo della Repubblica marinara, in un suggestivo percorso verticale.

    Dove passare una serata alternativa?

    La “perla” poco nota della città o della regione?

    L’entroterra della Liguria, racchiuso tra costa e montagne,  è affascinante e merita una visita. Le tradizioni, la cultura contadina e i sapori tipici si ritrovano intatti nel cuore dei borghi, sulle colline, tra i campi terrazzati e coltivati a vite e ulivi. Ad esempio, il paesino di Dolceacqua, nella Val Nervia, poco distante da Imperia, è un delizioso borgo medievale dove sembra che il tempo si sia fermato a mille anni fa. Se inoltre amate il vino, assaggiate il famoso “Rossese di Dolceacqua”. Non potrete più farne a meno, astemi inclusi 🙂

    Santa Margherita Ligure © Foto Archivio Agenzia in Liguria
    Dolceacqua © Foto Archivio Agenzia in Liguria
    Castelletto © Foto Archivio Agenzia in Liguria

    Potrebbe interessarti

    • La voglia di estate si fa sentire? E noi vi portiamo a Formentera grazie Stefania Campanella, dell'associazione  www.formenterafiloblu.com e curatrice del blog  www.formenteranonesiste.com. Per cominciare a sentire l'odore del mare e essere consapevoli del rispetto ambientale che esso richiede. Raccontaci in poche parole chi sei e perché sei a Formentera! In…
    • Quanti luoghi comuni si sentono su Napoli? Sui Napoletani? E se una città ha così tanti luoghi comuni sulle sue spalle non sarà un po' più speciale delle altre? Noi pensiamo di sì, e così ce la siamo fatta raccontare da due viaggiatori doc che a Napoli ci sono nati…
    • Un tragitto di 170 km, ricco di deviazioni tra mare ed entroterra, per cogliere le opportunità offerte dall’Istria e dai suoi paesi di grande personalità: un viaggio in macchina da bere tutto d’un fiato o da sorseggiare in più giorni. Da Pirano, gioiello della costa slovena, a Kamenjak, la punta…