Copenaghen con i bambini

  • destinazione:
  • Consigli utili

    Colorata, divertente, magica: Copenaghen è una meta perfetta per chi viaggia con i figli. Abbiamo chiesto a Peekaboo Travel Baby di raccontarci le sue attrattive e abbiamo ricevuto in cambio un sontuoso… invito a pranzo! Leggiamo…

    A Copenaghen per i bambini sarà una favola

    Articolo di Peekaboo Travel Baby

    Negli anni ‘80 girava in televisione una pubblicità di un fornelletto di cui il padre decantava le lodi e la madre puntualizzava che serviva solo per toast e pizzette. Lo spot si concludeva con il padre che mostrava una tavola imbandita piena di tutte le pietanze possibili cucinate con quello “Sfornatutto”. Un capolavoro che mi è rimasto impresso… Quando si nomina Copenaghen, spesso e volentieri la città viene associata all’attrazione della statua della Sirenetta. Come a dire “toast e pizzette”. La capitale è molto più di questo: è la tavola traboccante di prelibatezze che il padre mostra orgoglioso, è un menù degustazione che inizia con l’antipasto, si conclude con il dolce e che prevede anche un menù “kids friendly”. Scopriamola o meglio “assaggiamola” insieme ai nostri bambini.

    Copenaghen, boat tour © peekabootravelbaby

    Antipasto: giro dei canali

    Cominciamo il nostro percorso culinario con il tour dei canali per avere una visione d’insieme. Noi abbiamo scelto la formula “The grand tour” partendo da Gammel Strand, ma è possibile imbarcarsi anche nella famosa area di Nyhavn. L’itinerario seguito dal battello mostra le principali attrazioni: da Yderhavn alla rete di canali di Christianshavn, dal Museo Marittimo al Black Diamond (la Biblioteca Reale), dal Parlamento al Teatro dell’Opera fino al porto militare di Holmen. Non vi preoccupate, nel giro è inclusa anche una fugace occhiata alla Sirenetta.

    Tivoli, sotto lo sguardo di Hans Christian Anderse

    Primo: parco giochi Tivoli

    Per far felici i bambini, non perdete i Tivoli Gardens (o semplicemente Tivoli): è il più antico parco divertimenti sopravvissuto fino ad oggi (è stato fondato nel 1843) e si trova in pieno centro. All’interno del parco ci sono tantissime attrazioni per i più piccoli, dalle montagne russe alle torri panoramiche, e c’è persino un teatro dei mimi. Non mancano giostre di ogni tipo e il galeone dei pirati! Al Tivoli ci sono delizie anche per i grandi: oltre 36 ristoranti e moltissimi eventi culturali!

    Che colori a Nyhavn!

    Secondo: Nyhavn – quelle case colorate!

    Il menu prosegue con quella che forse è la portata principale. Parlo di Nyhavn, il Porto Nuovo, il quartiere iconico caratterizzato da casette colorate che piacerà sia agli adulti sia ai bambini. La zona portuale è una delle attrazioni più note della città ma, nonostante l’affollarsi dei turisti, merita assolutamente una passeggiata: vale la pena visitare la casa di Hans Christian Andersen, che visse al numero 20 del canale (ma anche al numero 67 e al numero 18), va assaporato lo spirito da vecchio porto rifugio di marinai e scrittori, e non ci si può che incantare di fronte ai colori a pastello delle caratteristiche casette danesi colorate risalenti al Seicento e al Settecento.

    Christiania, quasi un manifesto

    Contorno: Quartiere di Christiania

    Dopo la portata principale indugiate nel contorno a base di spirito hippy, sfrontatezza libertina e utopia di solidarietà: scoprite Christiania! La comunità di Christianshavn è stata fondata nel 1971 in una zona militare dismessa e poco dopo dichiarata Città Libera. Da 40 anni si basa sul principio dell’autodeterminazione e della proprietà collettiva, ma è nota soprattutto per la libera circolazione di droghe leggere, disponibili nella caratteristica Pusher Street.

    Può sembrare bizzarro suggerire una visita di questo quartiere a una famiglia, tuttavia Christiania non è solo un luogo turistico dove è possibile acquistare hashish, ma è soprattutto un luogo magico abitato da circa 1000 persone, circondato da fiumiciattoli, dove le macchine sono proibite, nei negozi ci si basa sul libero scambio e tutto sembra funzionare in modo armonico.

     

    Dolce: Louisiana Museum

    Per il gran finale non resta che perdersi nel contesto bucolico del Louisiana Museum, il museo di arte moderna e contemporanea situato sulla costa della Selandia del Nord. Il museo si trova a 35 minuti da Copenaghen ed è uno dei più importanti in Danimarca: lo si può raggiungere comodamente in treno ed anche il viaggio sarà una piacevole avventura per i bimbi. Per i genitori la vera bellezza sarà visitare questo meraviglioso spazio a picco sul mare; per i piccoli, esplorare l’area a loro dedicata (ogni giorno ci sono attività ludico-didattiche) o perdersi tra i sentieri del giardino e le sculture di Giacometti.

     

    Potrebbe interessarti

    • Anche nella felice Copenaghen ci sono alcune regole di condotta da rispettare. Ecco una breve rassegna che vi consigliamo di leggere con attenzione, a meno che non vogliate ridurre il tasso di… felicità generale! Disturbare la guardia Può sembrare divertente cercare di far perdere il controllo all’uomo dalla faccia seria…
    • La Danimarca è cara, inutile negarlo. Con qualche accorgimento, però, è possibile visitare la capitale con un budget ridotto. Seguiamo Francesca Campigli - che sul blog Il turista informato offre sempre una miniera di spunti - alla scoperta della Copenaghen low lost!   di Francesca Campigli - Il turista informato…
    • Gli abitanti di Copenaghen sono allegri, ospitali e hanno sempre voglia di divertirsi. Anche per questo danno il meglio di sé la sera, quando potete incontrarli in giro per birrerie, bar, club e discoteche, dove amano restare fino a notte inoltrata. Ecco i nostri riferimenti per essere sempre in loro compagnia! Bar…