Cracovia, magnifici incontri a Palazzo Reale

Vita in città

Ci sono palazzi che da soli valgono il viaggio, perché racchiudono in sé tutto lo spirito di un luogo. Uno di questi è il Castello del Wawel, o Zamek Krolewski, a Cracovia. Andiamo a curiosare tra i suoi tesori.

Cracovia, la Vistola e Palazzo Reale
Cracovia, apparizione onirica del Wavel

Un bel tocco fiorentino

Il castello fu la prima residenza reale del paese costruita in stile rinascimentale (1504-36). Re Sigismondo Jagellone I, detto il Vecchio, incaricò alcuni artisti fiorentini affinché realizzassero il monumentale edificio a tre piani con cortili interni porticati. Fino alla fine del Cinquecento fu il palazzo dove risiedevano ufficialmente i sovrani polacchi. Quando parte dell’edificio fu distrutta da un incendio, venne ricostruita in stile barocco, ma a quel punto re Sigismondo III Vasa decise di trasferire la corte a Varsavia.

 

Che arazzi, re Sigismondo!

Castello di Wawel
Cracovia, il castello dall’alto

Fino al 2017 la regina indiscussa della scena è stata la Dama con l’ermellino di Leonardo da Vinci, custodita a palazzo in attesa di essere trasferita al Museo Nazionale di Cracovia.

Leonardo Dama con l'ermellino
Non siate timidi, questa dama vi aspetta…

Oggi il primato dell’interesse artistico spetta alla straordinaria collezione di arazzi del XVI secolo, intessuti con seta di Bruxelles per volontà di re Sigismondo Augusto e realizzati su misura per le sale del castello.

In origine decoravano quasi tutte le pareti illustrando tre grandi leggende bibliche: quella di Adamo ed Eva, quella della torre di Babele e quella dell’arca di Noè.

 

Il tesoro della corona

wawel_nebbia
Il castello avvolto dalla nebbia: visione onirica

Il tesoro della corona si trova al pianterreno, nella parte più antica del castello, dove potete vedere i resti gotici della prima fortezza costruita in questo luogo. Tra gli oggetti esposti si trovano piatti, brocche d’argento e finimenti equestri riccamente decorati. Particolarmente interessante lo Szczerbiec, la spada usata per l’incoronazione dei re polacchi. Nell’armeria attigua si possono ammirare anche armi del XV-XIX secolo e armature medievali.

 

Godetevi le temporanee!

I biglietti per le mostre allestite all’interno del castello si possono acquistare direttamente al portone d’ingresso, oppure presso il Centro Informazioni, dove si trovano non solo le casse, ma anche le toilette, i negozi di souvenir, un ufficio postale, caffè e ristoranti. In estate potete godervi la splendida vista che si apre dalla terrazza del caffè.

Potrebbe interessarti

  • Un viaggio nei Balcani è un’esperienza che non si dimentica. Così vicine, ma apparentemente così lontane, queste terre raccontano un passato complesso, ma sempre ricco e pieno di sapori. Soprattutto a tavola, ovviamente. Articolo di Selene Scinicariello, blogger di Viaggi che mangi Queste terre sono il crocevia per genti da usi e…
  • Massimiliano qualche anno fa ha deciso di trasferirsi a Stoccolma. In questa intervista ci racconta come dovrebbe essere un viaggio nella capitale svedese secondo lui: il primo posto da visitare, il locale giusto per mangiare, consigli low budget e angoli nascosti. Buona lettura! Raccontaci in poche parole chi sei! Mi…
  • Atene è troppo spesso snobbata da chi preferisce fare rotta verso le isole per una vacanza di mare. La verità è che qui ci sono tantissime cose da fare, vedere e mangiare. Impossibile restare indifferenti di fronte a tanta bellezza. di Silvia Demick, The Food Traveler   Come spostarsi ad Atene…