E la mancia? (Parte 1)

  • destinazione:
  • Consigli utili

    Non è una domanda facile, poiché le abitudini cambiano molto a seconda della destinazione: per evitare gaffe nel vostro prossimo viaggio, ecco un elenco delle usanze nei maggiori paesi europei. Leggete qui la seconda parte, dedicata al resto del mondo.

    Austria e Germania
    È consuetudine lasciare un 5-10% del conto sia al ristorante che ai tassisti, a patto di essere soddisfatti del servizio. In albergo, i facchini ricevono un euro a bagaglio, mentre alle cameriere ai piani spetta uno o due euro al giorno, somma che potete lasciare sul comodino alla fine della vacanza.

    Croazia
    La cifra adeguata si aggira intorno al 10% del conto al ristorante, ma può diminuire, nel caso in cui sia già conteggiato il coperto. È considerato scortese passare il denaro direttamente allo chef, così come è impopolare richiedere conti separati. Nei bar non ci si aspetta nessuna percentuale, in taxi si arrotonda semplicemente per eccesso.

    Spagna e Portogallo
    Al ristorante si lascia sul tavolo il 5-10% del totale, ma che non siano monetine di rame o verrete considerati degli spilorci. Per una corsa in taxi si arrotonda ai 50 centesimi o all’euro successivo, in albergo bastano cinque euro a pernottamento.

    Francia
    Anche in Francia la mancia non si dà di persona ma si lascia sul tavolo, almeno il 10% di quello che si è consumato. La stessa percentuale va ai tassisti, mentre in albergo non è abitudine lasciare extra.

    Grecia
    Anche una percentuale minima risulterà soddisfacente. A seconda dell’esclusività del ristorante si decide se arrotondare (per esempio nelle taverne) o se lasciare una mancia del 10%. In taxi si fa semplicemente cifra tonda del dovuto.

    Gran Bretagna
    Nel caso non compaia nessuna service fee sulla ricevuta, non potete sbagliare con un 10% di mancia, ma anche arrotondando semplicemente il totale. Nei pub, dove in genere si ordina da sé direttamente al bancone, non è comune lasciare la mancia. In albergo, accontenterete le cameriere ai piani conteggiando una sterlina a notte mentre in taxi dovrete soltanto arrotondare la tariffa.

    Belgio, Olanda e Lussemburgo
    Nei ristoranti, sui taxi e negli alberghi dei paesi del Benelux la mancia è già inclusa nel prezzo. Potete lo stesso decidere di premiare ulteriormente un buon servizio, senza rischiare di essere fuori luogo. Una novità per molti viaggiatori è la piccola percentuale che si usa dare agli addetti all’assegnazione dei posti nei cinema e nei teatri.

    Scandinavia
    I camerieri che lavorano in Finlandia, Norvegia e Danimarca non ricevono alcun extra. La Svezia rappresenta quindi un’eccezione, poiché è abitudine lasciare circa il 10% del conto al ristorante. Nei locali finlandesi si lascia talvolta qualcosa agli addetti al guardaroba ed è usuale l’obolo ai facchini.

    Turchia
    Chi non dà alcuna mancia è malvisto ed è ritenuto estremamente maleducato. Al ristorante calcolate in genere il 5-10% e appoggiate la somma sul tavolo. Nella maggioranza dei casi non si accettano conti separati e la parsimonia è considerata un’indelicata virtù…

     

    [Liberamente tradotto da un articolo di Solveig Michelsen]

    Potrebbe interessarti

    • È arrivato il momento di completare la risposta a una domanda abbastanza difficile per noi italiani, che non siamo così abituati a districarci tra le usanze in fatto di mance nel resto del mondo. Dopo aver affrontato i maggiori paesi europei, ecco come funzionano le cose altrove: da paesi in…
    • Mettete in borsa, anzi nel cruscotto, la nostra nuova carta stradale dedicata al Lazio e partite con un filo di gas a godervi lo splendore di questo micro viaggio. Nella Tuscia laziale, in poco più di 60 km, vi aspettano sapori, storie e macchine del tempo.   Civita Castellana, prendeteci…
    • A Rodi il sole è di casa. Gli antichi Greci credevano che, in occasione della spartizione del mondo, Zeus avesse assegnato la quarta isola greca in ordine di grandezza al dio del sole Helios. I meteorologi contano 270 giorni di sole l’anno, che su 365, non sono niente niente male...…