Islanda, a caccia di aurore boreali

  • destinazione:
  • Itinerari

    Una delle esperienze di viaggio più struggenti in Islanda è lo spettacolo dell’aurora boreale, e autunno e inverno sono i mesi migliori per vivere questa grande emozione. Arianna Serra, blogger di The Travel planner, in questo articolo ci dà ottime dritte per arrivare puntuali all’appuntamento. 

    Quando arriva l’aurora è sempre una festa
    Quando arriva l’aurora è sempre una festa

    di Arianna Serra

    L’Islanda è uno dei posti migliori dove ammirare le aurore boreali. Gli islandesi sono molto fortunati perché possono assistere a questo incredibile spettacolo naturale per quasi 8 mesi l’anno, da settembre a metà aprile. In realtà le aurore boreali in Islanda sono attive tutto l’anno, ma possono essere avvistate solo con il buio e quando il cielo è limpido, per cui è molto difficile osservarle in estate, quando è quasi sempre chiaro.

    Arianna con la carta giusta, probabilmente a caccia di aurore!
    Arianna con la carta giusta, probabilmente a caccia di aurore!

    Non serve allontanarsi molto da Reykjavík per osservare le aurore boreali, anzi, spesso sono visibili anche nella capitale islandese, anche se ovviamente non sono particolarmente luminose. Potrebbe persino capitarti di avvistarle lungo la strada che collega l’aeroporto internazionale di Keflavik alla capitale, caratterizzata da un paesaggio piano, quasi lunare.

    In inverno le notti sono più lunghe nel Nord del paese e nei fiordi occidentali (Westfjords), quindi, cartina stradale alla mano, dirigetevi a Husavik, delizioso paesino di pescatori del Nord, ottima base di partenza anche per il whale watching, o a Ísafjörður, il principale centro urbano dei Westfjords. Osservate lo spettacolo dell’aurora boreale seduti sul molo o, se fuori è troppo freddo, comodamente in auto o in uno dei bei locali del porto.

    Akureyri, piena di fascino nella notte nordica
    Akureyri, piena di fascino nella notte nordica

    Anche la città del sole di mezzanotte per eccellenza, Akureyri, può essere una buona base di partenza per i cacciatori di aurore. Situata in fondo all’Eyjafjörður, il fiordo più lungo dell’Islanda centro-settentrionale, Akureyri è a meno di 100 km a sud del Circolo polare artico. A poca distanza dal centro abitato è possibile fare un’altra esperienza indimenticabile: sciare con l’impressione di gettarsi nell’oceano Atlantico! A pochi chilometri da Akureyri si trova, infatti, il monte Hlíðarfjall, che ospita le due località sciistiche più prestigiose di tutta l’Islanda.

    Per essere certi di non attendere invano l’aurora, date un’occhiata al sito delle previsioni delle Aurore Boreali. Basta cercare le aree bianche, che indicano che il cielo è sereno. L’attività dell’aurora è elencata nella parte in alto a destra del sito.

    Potrebbe interessarti

    • Se diciamo Islanda penserete a due cose: natura dirompente ed effetti collaterali non da poco sul vostro budget. La diffusione dei voli low cost e le dieci idee di questa top list vi aiuteranno a confermare il vostro punto di vista e a cambiarlo allo stesso tempo! Lasciatevi tentare e non…
    • Le carte con scala 1:650.000 coniugano dettagliate informazioni a un'ampia visione del territorio. Segnalano le località di interesse turistico, punti e strade panoramiche, i parchi e le aree naturali protette e comprendono le piante delle città principali. Novità: Contengono un comodo booklet fotografico che, come una guida turistica, racconta e…
    • Giovy Malfiori è una travelblogger attivissima: viaggi, scrive, racconta e interagisce sui social network come pochi altri. Ha una voglia di vedere e di condividere le proprie esperienze contagiosissima: potevamo non intervistarla? Perdipiù è appena tornata dall'Austria, paese di cui stiamo discutendo questa settimana: facciamoci raccontare direttamente da lei com'è…