Italia segreta: 10 mete estive da riscoprire

Itinerari

Si parte sempre più spesso per mete lontane, dimenticandosi che l’Italia possiede tesori meravigliosi, a volte poco noti. Ecco allora 10 suggerimenti utili per organizzare le prossime vacanze estive: andiamo alla scoperta di un Paese ‘segreto’ e bellissimo.

Articolo di Selene ScinicarielloViaggi che mangi

 

Antagnod, delizia del Rosa

Antagnod, montagna d’antan

Il piccolo paesino tra le montagne della Valle d’Aosta è noto soprattutto per far parte del Comprensorio del Monterosa – Monterosa Ski e per i suoi impianti sciistici attivi in inverno. Ciò non toglie che Antagnod sia una meta estiva perfetta per chi ha voglia di rilassarsi, dedicarsi alle passeggiate, ma anche per chi desidera andare alla scoperta di alcuni dei luoghi più belli di questa regione italiana.

Dal Forte di Bard © Selene Scinicariello
Dal Forte di Bard © Selene Scinicariello

Le Terme di Saint Vincent distano 45 minuti e sono il posto giusto per allontanare la tensione nervosa accumulata nei mesi invernali. Quelle di Champoluc sono ancora più vicine, poco più di 4 km. La città di Aosta si raggiunge in un’ora di macchina e in poco meno si è a Bard dove è possibile visitare gli interessanti musei allestiti all’interno del famoso Forte.

 

Levico Terme, relax e natura

Levico Terme © Selene Scinicariello
Levico Terme © Selene Scinicariello

Sempre in montagna, ma questa volta in provincia di Trento, Levico Terme è una località perfetta per una vacanza estiva all’insegna del relax e a contatto con la natura. Il lago è balneabile e oltre ad una spiaggia libera sono presenti anche alcuni stabilimenti attrezzati.

Le sorgenti termali del Lagorai hanno contribuito allo sviluppo di un turismo legato al benessere e per questo oltre ai famosi stabilimenti è facile trovare hotel che mettano a disposizione una Spa dove rilassarsi quotidianamente, magari al termine di una piacevole passeggiata. Ovviamente una delle cose da non perdere a Levico è il Parco degli Asburgo dove, si dice, la Principessa Sissi amasse passeggiare.

 

Trieste, bellezza al confine

Trieste, monumento a Joyce al Ponte Rosso

Città di confine e ponte tra culture, Trieste è una delle mete estive da tenere assolutamente in considerazione. La città si trova a pochi chilometri dalla Slovenia, dalle acque cristalline dell’Istria e dall’incantevole natura del Carso. Anche senza passare il confine, però, Trieste stessa custodisce luoghi dalla straordinaria bellezza: da Piazza Unità, il “salotto” della città, passando dal Molo Audace fino ad arrivare al Castello di Miramare, le onde del mare faranno da sfondo ad una vacanza culturale di certo indimenticabile.

 

Lago d’Orta: una gemma incastonata

Lago d'Orta © Selene Scinicariello
Lago d’Orta © Selene Scinicariello

Tra la provincia di Novara e quella del Verbano-Cusio-Ossola, in Piemonte, poco distante dal più grande Lago Maggiore, si trova questo piccolo e grazioso specchio d’acqua. Il Lago d’Orta è strettamente legato alla figura di San Giulio che si dice abbia sconfitto i draghi e i serpenti che abitavano l’isola al centro del lago, lì dove oggi sorge una bella Basilica che porta il suo nome.

Oltre all’Isola di San Giulio non si può non fare due passi tra i vicoli della caratteristica Orta San Giulio prima di spostarsi sulla sponda opposta e salire al Santuario della Madonna del Sasso per godere di un panorama meraviglioso! Per gli amanti delle passeggiate la stagione estiva è il momento perfetto per organizzarne una tra i sentieri del Mottarone.

 

Genova, semplicemente superba!

Genova per noi © Selene Scinicariello
Genova per noi © Selene Scinicariello

Dall’alto di Spianata Castelletto si gode uno dei più bei panorami della città: si vede il Porto Antico e il celebre Acquario, si scorge l’intrico dei caruggi e in lontananza l’imponenza della Lanterna che domina sul mare. Genova è una meta estiva particolare perfetta per chi desidera unire una vacanza culturale con una fatta di relax e natura. Si può iniziare con una visita ai Musei di Strada Nuova per ammirare la maestosità dei Palazzi dei Rolli, le opere di Van Dyck, Rubens e Caravaggio e la struggente bellezza della Maddalena Penitente di Canova.

Si può continuare con una passeggiata nel verde tra i sentieri che portano ai Forti di Genova sulle alture o sul percorso dell’Acquedotto Storico. Si può anche decidere di godersi il mare, a pochi passi dalla città, e fare un tuffo nelle acque limpide di Nervi, Murcarolo e Quarto, a levante, o di Vesima, a Ponente. E se si ha fame? Basta un pezzo di focaccia per placare l’appetito di una calda giornata estiva!

 

Lago Trasimeno: borghi e dolce vita

Lago Trasimeno © Selene Scimicariello
Lago Trasimeno © Selene Scimicariello

Le calme acque del Lago Trasimeno sono un luogo perfetto per rilassarsi. Per i più sportivi non può mancare l’occasione di un giro in bicicletta lungo il suo perimetro o un trekking tra i boschi rigogliosi nei suoi dintorni. Chi preferisce farsi traportare, invece, deve assolutamente fare il giro delle isole in barca.

Tutti, però, devono visitare i piccoli e caratteristici centri di Castiglione del Lago, Panicale, San Feliciano e Passignano sul Trasimeno. Un ultimo consiglio: a fine agosto è d’obbligo partecipare alla Sagra del Gambero e del Pesce nel particolare borgo di San Savino.

 

Marina di Bibbona: cuore toscano

Affacciata su una lunga spiaggia, Marina di Bibbona è un’ottima idea per una vacanza estiva. C’è chi la predilige per le vacanze in famiglia proprio per la sabbia fine dei suoi lidi, ma c’è di più. Marina di Bibbona, infatti, può essere una base perfetta per muoversi nei dintorni alla scoperta di una Toscana diversa, fatta sì di borghi, ma anche di siti archeologici unici.

Suvereto, tempo sospeso © Selene Scinicariello

In molti conoscono i vini di Bolgheri e i famosi cipressi celebrati dal Carducci, ma forse sono poche le persone che sanno che ogni anno a Suvereto si tiene il Palio delle Botti. Forse qualcuno conosce il sito archeologico di Baratti e Populonia, con le interessanti necropoli e un’acropoli ancora tutta da scoprire, ma di sicuro non tutti sanno che il sistema museale dei Parchi della Val di Cornia comprende il Parco Archeominerario di San Silvestro i cui percorsi si articolano tra
musei, gallerie e un borgo di minatori abbandonato.

 

Santo Stefano di Sessanio: tesoro d’Abruzzo

Rocca Calascio © Selene Scinicariello
Rocca Calascio © Selene Scinicariello

Spostandosi in Abruzzo il consiglio è quello di fermarsi a Santo Stefano di Sessanio, un minuscolo borgo dove vivono poco più di 100 persone. Di notte i vicoli sono avvolti dal silenzio e solo i fari di qualche macchina disturbano la penombra in cui si è immersi. In 40 minuti si raggiunge L’Aquila, ma è nei dintorni che si nascondono gioielli meravigliosi.

Nel borgo di Castel del Monte il tempo si è fermato e gli anziani sorseggiano vino rosso giocando a carte davanti al bar del paese. Le rovine di Rocca Calascio danno il meglio all’ora del tramonto, quando i raggi del sole si intrufolano tra gli spiragli delle pietre. Campo Imperatore, il cuore del Gran Sasso, aspetta invece gli amanti del trekking e delle passeggiate.

 

Gaeta: ora vorrete finirci!

Gaeta © Selene Scinicariello
Gaeta © Selene Scinicariello

“Ti mando a Gaeta!” era una delle minacce più temute tra i militari fino agli anni ’80. In questa cittadina del Basso Lazio, infatti, tra le mura dell’imponente Castello Angioino – Aragonese, aveva sede il carcere militare. Oggi il carcere non esiste più, ma il Castello domina ancora il panorama su Gaeta Medievale (conosciuta anche come Gaeta Vecchia).

Gaeta è fatta di vicoli, di donne che passano le giornate a parlare sedute davanti alla porta di casa, di spiagge dall’acqua limpida e dalla sabbia finissima. Gaeta è fatta di passeggiate nascoste tra la vegetazione di Monte Orlando, di tramonti mozzafiato dal Belvedere del Santuario della Montagna Spaccata e di pescatori che rientrano la sera, ogni giorno, per vendere il frutto del loro lavoro al caratteristico Mercato del Pesce. Gaeta è una meta estiva perfetta e dopo una lunga giornata di mare è un piacere cenare con un bel pezzo di tiella di polpo!

 

Trani: bianca e bella

Trani © Selene Scinicariello
Trani © Selene Scinicariello

Trani non è il famoso Salento: è una Puglia più riservata, più silenziosa, meno appariscente. La bellezza di Trani sta nella sua maestosa semplicità.
La Cattedrale di San Nicola Pellegrino si erge sul mare, solida e possente, come la prua di una nave. Insieme al poco distante Castello Svevo posa il suo sguardo sulle onde del mare.

Tra gli scorci dei vicoli si scovano attimi di vita più lenta, di panni che dondolano al ritmo dei raggi del sole. Trani è una meta estiva perfetta per gli amanti dei viaggi slow, di chi vuole cenare sul mare assaporando dell’ottimo pesce fresco e per chi non si accontenta della costa, ma ha voglia di scoprire anche l’interno. Da qui, infatti, si raggiungono facilmente Castel del Monte, il Parco Nazionale dell’Alta Murgia e Ruvo di Puglia con il magnifico Museo Archeologico Jatta.

Allora, avete scelto la vostra prossima destinazione tra queste mete estive particolari?

Potrebbe interessarti

  • Un viaggio nei Balcani è un’esperienza che non si dimentica. Così vicine, ma apparentemente così lontane, queste terre raccontano un passato complesso, ma sempre ricco e pieno di sapori. Soprattutto a tavola, ovviamente. Articolo di Selene Scinicariello, blogger di Viaggi che mangi Queste terre sono il crocevia per genti da usi e…
  • Il Portogallo è uno dei paesi più belli e accoglienti del pianeta. Eppure anche qui ci sono alcuni piccoli tranelli da non commettere se non volete rovinarvi la vacanza. Scopriamoli insieme con questi spunti dalla nostra guida.   Insistere o essere impazienti Di solito i portoghesi sono lenti ma molto…
  • Movida, tapas, musei straordinari, flamenco. Sì, a Madrid divertirsi è la norma. A patto però che non si violino alcune piccole norme di comportamento. Non date baci al contrario! Gli spagnoli si baciano sulle guance per salutarsi, ma nell’ordine inverso rispetto alle abitudini italiane. Fate attenzione perché se vi incrociate…