Le foreste più belle d’Europa

Top list

Fino a quando ci sarà un bosco ci sarà vita e ci saranno storie da raccontare. Siamo andati in giro per l’Europa a esplorare cinque grandi foreste e abbiamo trovato un patrimonio di tutti, da preservare.

 

Durmitor Nacionalni Park, Montenegro

Durmitor, Montenegro. Poesia pura

Natura incontaminata a più di 2000 m di quota: il Durmitor è il parco naturale più bello del Montenegro. Nei suoi 390 km2, questa riserva dichiarata Patrimonio mondiale dell’Umanità dell’Unesco nel 1980 offre tutto ciò che emoziona gli amanti della natura: alte montagne e gole profonde, grotte, laghi di origine glaciale e una ricchezza di flora e fauna pressoché inesauribile.

Guida Marco Polo: Montenegro

 

Foresta Nera, Germania

Foresta Nera, con il manto bianco
Foresta Nera, con il manto bianco

Benvenuti nella culla dello spirito europeo… e nell’ambientazione perfetta per una favola dei fratelli Grimm. Qui, nello Schwarzwald, in quella che per i romani era la Marciana Silva, sgorga il fiume europeo per eccellenza: sua Maestà il Danubio. Leggete il bellissimo libro di Claudio Magris e cercate di risolvere il mistero che circonda le sorgenti del grande fiume. Dove nasce veramente? A Donaueschingen o da quella grondaia raccontata dallo scrittore triestino?

Carta stradale Marco Polo: Germania

 

Foresta Umbra, Puglia

Foresta Umbra, la magia che nasce dall’ombra

Il cuore del Parco Nazionale del Gargano è costituito dalla cosiddetta Foresta Umbra, un’oasi ombrosa unica nel suo genere sotto il caldo sole del Mediterraneo. Il grande bosco di faggi, aceri e lecci sempreverdi ha una superficie di circa 10.000 ettari. Potrete attraversarlo comodamente in auto percorrendo la statale SS 528 tra Monte Sant’Angelo e Vico del Gargano, oppure deviare a metà strada verso Vieste. Nel bosco ci sono numerosi sentieri e zone attrezzate per i picnic che invitano a piacevoli soste all’ombra.

Carta stradale Marco Polo: Puglia

 

Foresta di Komi, Russia

Foresta di Komi, Russia selvaggia
Foresta di Komi, Russia selvaggia

Avete sempre sognato di addentrarvi negli sterminati spazi russi? Se è così, la Foresta di Komi fa per voi. Vi aspettano oltre 3 milioni di ettari di tundra nel cuore degli Urali. È una delle più ampie estensioni di foresta boreale vergine in Europa, la cosiddetta taiga. Dal 1995, questo paradiso di renne, furetti, zibellini e lepri è patrimonio dell’Unesco.

Carta stradale Marco Polo: Russia, Ucraina, Bielorussia

 

Spagna, i fitti boschi di Roncisvalle

Navarra, la verde foresta intorno a Roncisvalle

Benvenuti nella più grande foresta della Navarra, dove la Spagna incontra il sud-ovest della Francia. Se sentirete risuonare un corno, non stupitevi, perché siete vicini a Roncisvalle, dove secondo la leggenda i paladino Orlando suonò l’olifante (un corno da caccia in uso nel Medioevo), per avvisare Carlo Magno dell’imboscata tesa dai mori. La parte spagnola di questa foresta di faggi e abeti si sviluppa lungo il corso del fiume Irati, da cui la foresta prende il nome.

Carta stradale Marco Polo: Spagna, Portogallo

Potrebbe interessarti

  • Tempeste di neve, orsi, fiumi di vodka e palazzoni grigi: queste sono solo alcune delle cose che molti turisti italiani si aspettano di trovare una volta atterrati in Russia. Oltre a essere (quasi sempre) infondati, questi luoghi comuni sono anche fonte di ansia e tormento per chi si appresta a…
  • Massimiliano qualche anno fa ha deciso di trasferirsi a Stoccolma. In questa intervista ci racconta come dovrebbe essere un viaggio nella capitale svedese secondo lui: il primo posto da visitare, il locale giusto per mangiare, consigli low budget e angoli nascosti. Buona lettura! Raccontaci in poche parole chi sei! Mi…
  • Fino ad ora avete rinunciato al Giappone temendo costi troppo elevati? Allora leggete bene quello che ho da dirvi, perché il viaggio può costare molto meno del previsto. Giappone: lo street food è sempre una buona idea © Simonetta Clucher Articolo di Simonetta Clucher – Sullestradedelmondo.it   Tutto dipende delle scelte che si…