Lisbona, il meglio dei quartieri meno conosciuti

  • destinazione:
  • Vita in città

    Lisbona è sempre ai primi posti tra le città più amate. In questo articolo vi portiamo a vivere cinque grandi esperienze lontano dalle vie più battute dai turisti.

    Lisbona
    Lisbona, scopriamo il suo volto nascosto

    Aqueduto das Águas Livres

    Quartiere: Alto Da Serafina

    acqueducto
    L’acquedotto in tutta la sua imponenza

    L’Acquedotto delle Acque Libere è uno dei simboli della capitale. Poiché la mancanza d’acqua era stata per secoli il problema principale della città, re João V (1705-50) commissionò la costruzione di un’opera grandiosa che venne sovvenzionata con il denaro ricavato dal pagamento di un tributo speciale imposto al popolo. Si trattava di un sofisticato sistema di raccolta, approvvigionamento e distribuzione idrica che dopo circa 14 km terminava nel serbatoio di Mãe d’Água (Madre dell’Acqua), oggi vicino al centro commerciale Amoreiras. Quest’opera monumentale è sopravvissuta quasi indenne persino al terremoto del 1755 e ha smesso di funzionare in modo definitivo solo nel 1967.

     

    Museu de Caluste Gulbenkian

    Quartiere: Rego

    Fondazione Gulbenkian
    Fondazione Gulbenkian, potere dell’arte

    Il più grande museo della città è anche il più interessante. Vi sono esposti pezzi di valore, donati dal magnate armeno del petrolio Calouste Sarkis Gulbenkian in cambio dell’asilo politico concessogli durante la seconda guerra mondiale. Circa metà dei beni esposti sono manufatti di artigianato artistico orientale, come tappezzerie, azulejos, tappeti, libri, scritti vari, porcellane e oggetti in vetro della Turchia, della Persia, della Siria e della Cina. Nelle altre sale, illuminate da una luce soffusa intervallata da qualche scorcio sul parco che circonda l’edificio, si possono ammirare quadri e sculture di maestri europei, tra cui Rubens, Rembrandt, Frans Hals, Turner, Gainsborough, Manet, Degas, Renoir e Rodin.

     

    Un quartiere in trasformazione

    Quartiere: Mouraria

    Moraria Lisbona
    Mouraria, fascino della vecchia Lisbona

    Fatevi contagiare dallo spirito di rinnovamento e trasformazione che si respira in questo quartiere. Buona parte del merito è del comitato ‘Renovar a Mouraria’, che attira visitatori giovani e alternativi. L’organizzazione dispone di un bar accogliente e si occupa di rinnovamento del contesto urbano. Vi aspettano visite guidate, corsi di lingua, cinema e molto altro. Siamo nella zona di Mouraria, appunto, così chiamata perché qui furono confinati i Mori dopo la Riconquista, nel 1147. Fino a qualche anno fa qui si percepiva una certa desolazione, oggi si avvertono i fermenti del futuro.

     

    Convento do Carmo, una macchina del tempo

    Quartiere: Chiado

    Convento do Carmo
    Convento do Carmo

    Questo quartiere merita di essere visitato per almeno due motivi. Il primo è che qui nacque Fernando Pessoa, unanimemente considerato uno dei più grandi scrittori di lingua portoghese. Il secondo, più evidente e tangibile, è il Convento do Carmo, che resta impresso nella memoria per il suo tetto senza copertura. Che cosa l’ha ridotto così? Bene, questa è l’opera del tragicamente celebre terremoto di Lisbona del 1755, che rase al suolo metà della città e uccise il 30% degli abitanti. Un evento epocale, anche per lo spirito europeo, come sa bene chi ha letto il Candide di Voltaire, con la sua spietata critica dell’ottimismo innescata proprio dal grande sisma di quell’anno.

     

    Nuove frontiere della cucina

    Quartiere: Chado

    Chiado, Lisbona
    Chiado, a caccia di sapori sotto gli occhi del sommo poeta Camões

    Con i suoi sapori tutti da esplorare, il Chiado si merita una doppia citazione in questa top list. Iniziate la serata con un aperitivo nella magnifica terrazza dell’Hotel do Chiado, dove si gode una vista meravigliosa della città e del Castelo de São Jorge, con le sue suggestive merlature adagiate sulla collina. Poi andate a farvi deliziare dalle creazioni dello chef stellato José Avillez, che con la sua maestria incanta gli avventori del Bairro do Avillez. Perché bairro? Beh, perché si tratta veramente di una specie di piccolo quartiere contenente cinque locali diversi.

    Potrebbe interessarti

    • Un viaggio nei Balcani è un’esperienza che non si dimentica. Così vicine, ma apparentemente così lontane, queste terre raccontano un passato complesso, ma sempre ricco e pieno di sapori. Soprattutto a tavola, ovviamente. Articolo di Selene Scinicariello, blogger di Viaggi che mangi Queste terre sono il crocevia per genti da usi e…
    • Le Fiandre promettono bellezza, divertimento, arte e un pizzico di sana vertigine. Mantengono sempre la parola, ma nel 2018 la loro tentazione da allettante diventa irresistibile. Ecco un bel po’ di idee per mettersi subito in viaggio.   Anversa, il Barocco è vivo! Nel 2018 questa città creata dal genio…
    • Monaco non è solo Oktoberfest. Questa città sa dare il meglio tutto l'anno, perché è piena di storia e cordialità e, sì, freschissima birra. articolo di Linda Fiumara, collaboratrice di Blog di viaggi Sì, Monaco può essere definita senza esagerare l'altra capitale della Germania, quella in cui la modernità non…