New York… e se piove?

  • destinazione:
  • Vita in città

    Al vostro arrivo nella Big Apple la prima a darvi il benvenuto è stata la pioggia? Nessun problema, ecco alcune idee per non perdere il buon umore.

     

    Mangiare e fare acquisti in un’antica fabbrica

    New York
    New York, la pioggia la rende ancora più bella

    Gustosi brownies appena sfornati o gamberi freschi al Lobster Place? Il Chelsea Market punta su prodotti prelibati e sul fascino di un’ex struttura industriale ristrutturata. Vi aspettano eleganti negozi e ristoranti con prelibatezze gastronomiche bio da tutto il mondo, dall’Italia al Giappone passando per la Thaliandia e il Messico fino al Marocco. Il grande mercato gourmet è situato nello storico complesso dal fascino industriale dell’ex National Biscuit Company, dove è nato il celebre Oreo Cookie (doppio biscotto al cioccolato con uno strato interno di crema al latte).

     

    Jazz dal vivo in un salotto di Harlem

    Ogni domenica alle 16 Marjorie Eliot organizza un concerto di musica jazz nel suo appartamento di Harlem (160th Street, appartamento 3F). La musica jazz cattura un pubblico internazionale mentre vengono raccontati alcuni aneddoti su Martin Luther King e sulle sue idee pacifiste. Un pomeriggio indimenticabile! Ingresso gratuito, offerta libera.

     

    Templi egizi e pittura americana

    Metropolitan New York
    Metropolitan, all’asciutto e in grande stile!

    Al Metropolitan Museum si potrebbe trascorrere una settimana intera: la collezione non ha eguali nel mondo. L’imponente facciata in arenaria grigia del museo fondato nel 1870 fu progettata nel 1902 da Richard Morris Hunt. La gigantesca scalinata all’esterno, con due fontane zampillanti e numerosi tavolini, è uno dei luoghi più vitali della città. Della struttura originaria non è rimasto molto. Il complesso continua a espandersi verso il vicino Central Park grazie ai molti lavori di ampliamento. Sui 16 ettari di spazio espositivo, infatti, trova posto solo un quarto dei 3,2 milioni di oggetti della collezione. Le mostre temporanee di opere di singoli artisti o di correnti artistiche entusiasmano allo stesso modo visitatori e critici.

     

    Una piacevole pausa al caffè

    greenwich village
    New York, godetevi le atmosfere del Greenwich Village

    Dietro alle pareti in vetro dell’Amy’s Bread potete gustare un ottimo caffellatte. Questa panetteria vende pane buonissimo, ottimi prodotti da forno e sandwich da asporto, preparati con ingredienti regionali e biologici. Prelibatezze dolci e salate per la prima colazione e il pranzo: caffellatte, baguette e marmellata la mattina, panino al tonno di pomeriggio. Apprezzerete anche il fascino del Greenwich Village, con le sue strade lastricate e le antiche case.

     

    Per topi di biblioteca

    Allo Strand Book Store sono spesso in offerta libri d’arte e best seller attuali, nuovi o di seconda mano. Incredibile ma vero, 30 km di libri, in gran parte usati, in fila sugli scaffali e la più grande scelta di volumi rari di arte e fotografia di tutta New York. L’azienda familiare fu fondata nel 1927 ed è sopravvissuta alla concorrenza di ben 48 librerie, tutte nella “Book Row” (828 Broadway/12th Street).

     

    Potrebbe interessarti

    • Da Parigi a Los Angeles, 10 fantastiche librerie in cui perdersi per ore e ore tra libri, emozioni e scoperte. E se è vero che leggere è un po' come viaggiare, qui vivrete avventure all'ennesima potenza. Shakespeare & Co., Parigi Per molti è una delle librerie più importanti e suggestive del…
    • Fès, Rabat, Marrakech e Meknès: sono le magnifiche quattro del Marocco, le città imperiali. In questo articolo vi diciamo le esperienze da non perdere. Anche se il Marocco non ha mai avuto un imperatore, ma 'solo' sultani e re, vi accorgerete che il fascino di questi luoghi è veramente imperiale!…
    • Cercate una mostra rivoluzionaria? A Milano vi aspetta "Revolution. Records and Rebels". In questo articolo vi diciamo perché non dovete mancare, ma anche che cosa fare in città quando andrete alla mostra. Come eravamo, come siamo cambiati, che cosa è successo di preciso nella seconda metà dei favolosi anni Sessanta?…