Parigi, 10 idee per innamorarsi

  • destinazione:
  • Top list - Vita in città

    Avete idea di quante cose dobbiamo a Parigi? Questa città veramente ‘luminosa’ ha saputo trasformare in mito e leggenda persino i mercati generali e l’aldilà. Ma soprattutto ha regalato al mondo un certo modo di cantare, vivere, mangiare e sedere al caffè. Seguiteci in questo tour, visitate la Ville Lumière con la nostra guida e preparatevi a dirle: ‘Oui, Paris je t’aime!’.

    Il cielo di Parigi è ancora uno dei più romantici d'Europa
    Il cielo di Parigi è ancora uno dei più romantici d’Europa

    1. Notre-Dame, la regina dei secoli

    Sorveglia la città da quasi mille anni, ha visto incoronare Napoleone e probabilmente sarebbe andata in rovina se Victor Hugo non le avesse dedicato il celebre romanzo Notre-Dame de Paris. È lei la regina della città, anche se i suoi celebri gargoyle sono un falso ‘storico’: non risalgono al medioevo, ma proprio al restauro ottocentesco!


    La voce di Edith Piaf è ancora la più bella di Parigi

    2. Belleville, a tu per tu con Edith

    Il cielo di Parigi, quello cantato da Edith Piaf nella celebre canzone, è il secondo grande protagonista della città. Scopritelo autentico e struggente nel quartiere di Ménilmontant, dove ha vissuto Edith, commemorata proprio qui nel museo che le è stato dedicato!


    Les Halles, ancora una volta il cuore di Parigi!

    3. Il ventre di Parigi: Les Halles

    Da sempre questo è il cuore commerciale della città, e fino agli anni Settanta qui brulicava il grande mercato alimentare descritto da Emile Zole nel romanzo Il ventre di Parigi. Oggi Les Halles vivono nuovo splendore e nell’aprile di quest’anno è stata inaugurata la nuova copertura iper avveniristica, La Canopée (ovviamente con grandeur tutta parigina!).

    Il mito del Moulin Rouge resiste al tempo
    Il mito del Moulin Rouge resiste al tempo

    4. Pigalle, Parigi in rosso

    Certo, questo è da sempre il quartiere a luci rosse e qui si trova il celebre Moulin-Rouge, con le sue ballerine di can-can. Ma Pigalle è anche il posto giusto per celebrare l’amore… per il design, come all’Hotel Amour, dove ogni camera è arredata da un artista diverso.

    La tomba di Oscar Wilde al Père-Lachaise, con uno dei girasoli che lui amava tanto!
    La tomba di Oscar Wilde al Père-Lachaise, con uno dei girasoli che lui amava tanto!

    5. Le tombe degli dèi al Père-Lachaise

    Nessun viaggio in questa città piena di vita sarebbe completo senza una discesa nel suo regno delle ombre, il Cimetière du Père-Lachaise, per una visita agli dèi che lo abitano. Vi incontrerete gli spiriti di Oscar Wilde, Marcel Proust, Edith Piaf, Jim Morrison… parbleu! l‘elenco completo è sterminato!

    A Parigi è un piacere dirsi buon appetito!
    A Parigi è un piacere dirsi buon appetito!

    6. Una cena nella Belle Époque

    Preparatevi a mangiare bene (molto bene) in un locale che sembra uscire da un’epoca in cui la vita a Parigi fu particolarmente douce. Al Bouillon Racine (3, Rue Racine) troverete decori Liberty (pardon, Art Nouveau!) e una cucina curata con influenze belghe.

    Les Deux Magots, pronti a un incontro con Emmanuel Carrère?
    Les Deux Magots, pronti a un incontro con Emmanuel Carrère?

    7. Parigi letteraria (al caffè)

    Il modo migliore per incontrare gli scrittori a Parigi, ancora oggi, è sedere al tavolo di un caffè. I due punti di riferimento si trovano tutti a Saint-Germain-des-Prés: il caffè Les Deux Magots era il prediletto da Hemingway, che veniva qui a bere whisky ben poco francese. Il vicino Café de Flore, invece, era il preferito da Sartre e da Simone de Beauvoir, ma oggi incontrerete personaggi molto meno cerebrali e decisamente più mondani!

    Musée d'Orsay, uno sguardo artistico su Parigi!
    Musée d’Orsay, uno sguardo artistico su Parigi!

    8. Una vita per l’arte. Anzi, due!

    Tutta Parigi è un’ode all’arte e non basterebbe una vita per esaurire l’argomento. Non potete andare via, però, senza aver fatto almeno due visite. La prima al Musée Picasso, che ospita la più vasta collezione di dipinti del grande maestro. La seconda al Musée D’Orsay, che è sia un grande esempio di riconversione post-industriale (operata negli anni ’80 dall’architetto italiano Gae Aulenti), sia uno scrigno di capolavori di pittori impressionisti. E il Louvre? Certo, non dovrebbe mancare, ma avrete bisogno di ancora un’altra vita!

    A Parigi vi troverete spesso in una situazione così.
    A Parigi vi troverete spesso in una situazione così.

    9. Shopping: dal Marais ai bouquinistes

    A meno che non vogliate puntare con spavalderia sulle boutique di Saint-Laurent e Givenchy (ma anche di Valentino) nel Faubourg Saint-Honoré, per fare acquisiti senza pensieri portatevi al Marais. Qui troverete molti negozietti dai prezzi abbordabili e dopo un acquisto vi sentirete molto parigini! Iniziate con la femminilità di Gerard Darel, uno dei grandi marchi di moda francese… accessibile! E se non volete lasciare Parigi senza partecipare a un rito veramente locale, frugate tra le bancarelle di libri del Lungo Senna: parliamo dei bouquinistes, così importanti da essere tutelati dall’Unesco!

    Bambini a Parigi, educazione alla bellezza
    Bambini a Parigi, educazione alla bellezza

    10. Parigi per i bambini (quasi un’educazione sentimentale)

    Un viaggio a Parigi è sempre una festa, anche per i bambini, perché questa città è così ricca di bellezza da sembrare a volte un enorme parco giochi (la Tour Eiffel, un giro sulla Senna in bateau-mouche, i giardini delle Tuileries, la piramide di vetro del Louvre stregano anche i nativi digitali!). Per attrattive veramente dedicate ai più piccoli, però, puntate sulle giostre del Jardin d’acclimatation (nel Bois de Boulogne, alle porte della città), che metterà subito a proprio agio i giovani visitatori tra giochi di specchi, laboratori e un’atmosfera vagamente rétro che ricorda un po’ certi romanzi di Jules Verne. E poi, certo, c’è sempre Disneyland Paris

    Potrebbe interessarti

    • Città dell’amore, della moda, della gastronomia, dell’arte e delle luci. Parigi è da sempre una metropoli per cui ”il meglio” è appena sufficiente. È la capitale dei superlativi: la più bella, grande, veloce, brillante di tutte. Contiene: Novità: itinerari e esperienze di viaggio per vivere una destinazione a 360° con…
    • Le carte con scala 1:15.000 sono uno strumento indispensabile per chi vuole visitare al meglio una città, anche la propria: la pianta dettagliata del centro arricchita con informazioni turistiche pratiche e la rete dei trasporti metropolitani. Con gli highlights delle attrazioni da non perdere.
    • Sei idee per non perdere il buon umore. Anche se il meteo Parigi non promette bene. 1. Dove i nobili ingannavano l’attesa Aspettate il prossimo raggio di sole tra gli ori e gli sfarzi, nel più bel ristorante ferroviario del mondo: Le Train Bleu, dove la sala con i soffitti alti…