Porto, che cosa vedere qui sul Douro

Top list - Vita in città

Alcuni pensano che la città sul Douro sia l’eterna seconda rispetto a Lisbona, altri la definiscono la capitale nascosta del Portogallo per la sua grande forza economica. Per decidere da che parte stare, bisogna andarci.

porto_panorama
Porto, iniziate con questo panorama straordinario

 

L’oro liquido

valle douro
Valle del Douro, dove nasce il Porto

La visita a uno dei tanti depositi di Porto a Vila Nova de Gaia è un’esperienza particolare. Durante i tour potrete ammirare le botti di quercia e le grandi sale che contengono alcune decine di migliaia di litri di vino. I prezzi di accesso (€8-10, talvolta l’ingresso è gratuito) includono una degustazione.

 

Porto Card: la dritta low budget

La Porto Card permette di entrare gratuitamente in diversi musei e di ottenere alcuni sconti. Potete inoltre usufruire dei servizi del trasporto pubblico, con (€13 al giorno, €20 due giorni) o senza visite (€6 al giorno, €10 due giorni).

 

In paradiso tra libri e dolci

livraria lello porto
Porto, splendore della Livraria Lello

Se volete fare acquisti recatevi nelle strade intorno a Rua Santa Catarina. Una delle librerie più belle del mondo è la Livraria Lello (Rua das Carmelitas 144). Il mercato tradizionale è il Mercado do Bolhão (lun-ven 7-17), mentre per gli amanti del cioccolato la pasticceria Arcádia (Rua do Almada 63) è un vero paradiso.

 

Cais da Ribeira: dolce vita portoghese

Cais da Ribeira, la quintessenza di Porto
Cais da Ribeira, la quintessenza di Porto

Il quartiere del molo è ricco di bar, caffè e ristoranti in cui concedervi piacevoli pause per ricaricarsi dopo i giri in città. Dalla promenade partono escursioni in barca che offrono una bella vista sul ponte Dom Luís I, sulle cantine e sulle rabelos, le tipiche imbarcazioni con cui un tempo si trasportavano le botti sul fiume.

 

Il miglior panorama low budget

Volete risparmiare il biglietto della teleferica ma godervi comunque la miglior vista su Porto e sul Douro? Recatevi allo spiazzo su cui si affaccia il Mosteiro Serra do Pilar.

 

Igreja de São Francisco: sontuosa opulenza

Tutto lo sfarzo della Igreja de São Francisco
Tutto lo sfarzo della Igreja de São Francisco

La chiesa gotica fu costruita dai frati francescani e rimodernata nel XVII-XVIII secolo usando addirittura 600 kg d’oro. Nel vicino edificio che ospita le casse per i biglietti una discesa conduce alle catacombe. Non mancate questa visita e capirete quante ricchezze e storie sono passate per le strade di Porto.

 

Sé: torri magiche

Porto, la Catedral da Sé domina lo skyline
Porto, la Catedral da Sé domina lo skyline

La bella cattedrale a due torri fu costruita nel XII-XIII secolo e venne adattata al gusto dell’epoca barocca solo in un secondo momento. L’ingresso che permette di accedere al chiostro e al tesoro è separato. Visitatela e poi divertitevi a incontrarla con lo sguardo nel panorama di Porto.

 

Restaurante DOP: a cena da Rui Paula

Cucina moderna in un ambiente essenziale. Non spenderete poco, ma ne varrà la pena, perché i piatti sono semplicemente sensazionali, dallo stoccafisso al carpaccio di polipo. Il proprietario è il famoso personaggio televisivo, nonché cuoco, Rui Paula (Largo de São Domingos 18).

 

Potrebbe interessarti

  • Bella, romantica, piena di magia: Praga vi aspetta e con queste informazioni pratiche tratte dalla nostra guida iniziare il viaggio sarà ancora più facile.   Auto, don't drink & drive Nella Repubblica Ceca vige l’assoluto divieto di bere alcolici prima di mettersi al volante. Limiti di velocità: 50 km/h nei…
  • Un vademecum veloce ed essenziale per affrontare il viaggio nella megalopoli giapponese, dalla nostra guida Tokyo. Banche e cambio In Giappone il contante la fa da padrone, soprattutto fuori dalle città, ma anche in negozietti e locali di Tokyo. La cosa migliore è cambiare una consistente cifra di denaro appena…
  • Un viaggio nei Balcani è un’esperienza che non si dimentica. Così vicine, ma apparentemente così lontane, queste terre raccontano un passato complesso, ma sempre ricco e pieno di sapori. Soprattutto a tavola, ovviamente. Articolo di Selene Scinicariello, blogger di Viaggi che mangi Queste terre sono il crocevia per genti da usi e…