Route 66: 90 anni nel mito

  • destinazione:
  • Itinerari - Mete del mese

    L’11 novembre la Route 66, la Mother Road del sogno americano, compie 90 anni. È vero, i tempi sono cambiati e non resta molto del percorso originario, però chi sa sognare può ancora vivere tutta la magia del suo itinerario. Basta mettersi in viaggio!

    Route 66, la magia corre su strada

    Lo spazio per sognare: la Highway corre come un enorme serpente di asfalto per 3755 km, da Chicago a Santa Monica. Percorretela in auto o in moto e mettete nello zaino tre compagni di viaggio perfetti. Il romanzo On the road di Jack kerouac e le nostre carte stradali agli Stati Uniti. Per rendere irresistibile la tentazione, ecco qualche tappa da non perdere.

    St Louis, Deep America

    St Louis, Missouri

    La città deve il nome nientemeno che a Luigi XIV: siamo già nell’America profonda e il richiamo al Re Sole indica un periodo decisivo della formazione dell’identità americana, quando le colonie lottavano per trasformarsi in una grande nazione.

    Tulsa, la direzione è giusta

    Tulsa, American Art Déco

    Non tutti se lo aspettano, ma Tulsa ( Oklahoma) è la capitale dell’Art déco del cuore degli States. Lo testimoniano gli edifici e i ponti, come quello di questa foto, che ha visto passare infinite storie e vite americane.

    Amarillo, questo è il look adatto

    Amarillo, benvenuti nel West

    Il nome di questa città (in spagnolo significa ‘giallo’) la dice lunga sul melting pot di cui è fatta l’America. Amarilo si trova nella regione del Llano Estacado, caratteristica per i suoi rilievi a ‘mesa’, che nel sud-ovest degli Stati Uniti comprende le South Plains e parte del Texas Panhandle. Qui si respira già aria di frontiera!

    Albuquerque… quasi Messico

    Albuquerque, avamposto di Spagna

    A questo punto la Mother Road mantiene quasi costante la propria corsa nel South. Ad Albuquerque, antico insediamento spagnolo, vi sembrerà di essere già in Messico. Non è così, perché siete in New Mexico, territorio a lungo conteso e oggi sede, tra le molte cose, di laboratori aerospaziali.

    Santa Monica, qui l’America si diverte

    Santa Monica, il grande approdo

    La celebre canzone di Bobby Troup, che a questo punto dovrete sparare a tutto volume, dice che la Route 66 finisce genericamente a L.A. In verità, il suo punto di approdo è una località molto speciale della contea di Los Angeles, Santa Monica. Nell’immaginario questo è il luogo del divertimento, dei luna park costruiti su immensi moli e… del beach volley. Eh, sì, pare che questo sport sia stato inventato proprio qui negli anni Venti.

    Potrebbe interessarti

    • Un viaggio nei Balcani è un’esperienza che non si dimentica. Così vicine, ma apparentemente così lontane, queste terre raccontano un passato complesso, ma sempre ricco e pieno di sapori. Soprattutto a tavola, ovviamente. Articolo di Selene Scinicariello, blogger di Viaggi che mangi Queste terre sono il crocevia per genti da usi e…
    • Le Fiandre promettono bellezza, divertimento, arte e un pizzico di sana vertigine. Mantengono sempre la parola, ma nel 2018 la loro tentazione da allettante diventa irresistibile. Ecco un bel po’ di idee per mettersi subito in viaggio.   Anversa, il Barocco è vivo! Nel 2018 questa città creata dal genio…
    • In una città in cui la metà della popolazione ha meno di 35 anni e il proverbiale spirito di tolleranza è ancora lontano dal cedere il passo, può sembrare che tutto sia lecito. Sì, molte cose lo sono, ma non tutte! Quindi, se volete evitare brutte sorprese seguite questi suggerimenti.…