Salisburgo: inverno nel segno di Mozart

  • destinazione:
  • Eventi - Vita in città

    Veniteci in inverno. Anzi, veniteci in gennaio. A Salisburgo gli italiani approdano tutto l’anno con ovvia preferenza per i mesi “delle ferie”. Ma tra luglio e agosto la sciccosissima città austriaca è teatro del più importante Festival musicale del mondo e i prezzi sono un tantino elevati.

    Salisburgo: incantevole con un filo di neve

    Salisburgo: incantevole con un filo di neve

     

    di Marco Berchi
    Giornalista indipendente

     

    A deporre a favore di gennaio — d’accordo, non è facile prendere ferie in questo mese — svariati fattori; il primo è che, dopo la sbornia delle Feste, la città prende un ritmo tranquillo con prezzi se non di saldo, certo non da altissima stagione. Il secondo è che il centro storico — patrimonio Unesco — con un velo di neve è semplicemente meraviglioso e, a parere di chi scrive, più bello che in piena estate. Terzo motivo: a gennaio, il 27 per la precisione, nasceva Wolfgang Amadeus Mozart e da 60 anni esatti la fondazione Mozarteum Salzburg — la cui mission è la tutela e la promozione di tutto ciò che “è Mozart” — organizza la Mozart Woche, ovvero la settimana mozartiana.

    Non occorre essere specialisti per capire che — seppure su una sola settimana a fronte del mese e più del Festival estivo — c’è l’occasione di ascoltare alcuni tra i musicisti top in circolazione. I prezzi non sono popolari ma con 25/30 euro si riesce ad entrare nei due santuari del Mozarteum e della Grosses Festspielhaus e si possono godere gli immortali capolavori mozartiani.

     

    La casa Natale di Mozart: un'istituzione a Salisburgo

    La casa Natale di Mozart: un’istituzione a Salisburgo

     

    Subito prima o dopo è d’obbligo visitare la casa natale di Amadeus e quella dove visse più tardi e, anche qui, non occorre essere specialisti o musicisti per lasciarsi affascinare da uno dei più straordinari geni della storia dell’umanità.

    Tutto attorno c’è una delle più belle città d’Europa, un po’ “leccata” e a volte troppo turistica ma a gennaio, appunto, meno folle e più atmosfera, condizione ideale per conoscere le storia di queste strade e piazze. Entrare e visitare il nuovo percorso del Dom Quartier, ad esempio, è — con audioguida in italiano — un vero e proprio tuffo nell’Europa barocca tra Sei e Settecento.

    Trasporti pubblici efficienti e 70% delle cose da vedere “a distanza camminabile”, come dicono gli inglesi, fanno il resto.

     

    Come arrivare

    In auto via Brennero. Le ferrovie tedesche e austriache (Deutsche Bahn e OBB) operano in Italia con 10 collegamenti al giorno da Venezia, Bologna e Verona. Si viaggia su moderni Eurocity con offerte a volte molto convenienti e per Salisburgo si cambia a Rosenheim o a Innsbruck. Biglietti in vendita anche nelle biglietterie Trenitalia.

    Tutte le info su: www.megliointreno.it.

     

    Consigli utili

    Il sito www.salzburg.info è anche in italiano e fornisce tutte le informazioni utili sugli eventi e su dove alloggiare. Molto utile la Salzburg Card con sconti, accessi facilitati e libero transito sui mezzi pubblici. Solo in inglese invece il sito della Stiftung Mozarteum Salzburg, peraltro molto curato e facile da navigare.

     

     

    Potrebbe interessarti

    • Le carte con scala 1:15.000 sono uno strumento indispensabile per chi vuole visitare al meglio una città, anche la propria: la pianta dettagliata del centro arricchita con informazioni turistiche pratiche e la rete dei trasporti metropolitani. Con gli highlights delle attrazioni da non perdere.
    • Un viaggio nei Balcani è un’esperienza che non si dimentica. Così vicine, ma apparentemente così lontane, queste terre raccontano un passato complesso, ma sempre ricco e pieno di sapori. Soprattutto a tavola, ovviamente. Articolo di Selene Scinicariello, blogger di Viaggi che mangi Queste terre sono il crocevia per genti da usi e…
    • Movida, tapas, musei straordinari, flamenco. Sì, a Madrid divertirsi è la norma. A patto però che non si violino alcune piccole norme di comportamento. Non date baci al contrario! Gli spagnoli si baciano sulle guance per salutarsi, ma nell’ordine inverso rispetto alle abitudini italiane. Fate attenzione perché se vi incrociate…