Sul cammino per Santiago: la diretta di Orlando

  • destinazione:
  • Interviste

    Seconda puntata del cammino di Orlando verso Santiago: i suoi 280.000 passi verso e attraverso la meta.

    Tutte le utopie hanno sempre un costo terribilmente reale. Penso a Woody Allen che sogna Freud e gli dice “rivoglio indietro i miei soldi”. Cosí, in certi momenti, mi scopro a dire “rivoglio indietro il mio Cammino”, quello che sognavo di fare da un sacco di anni, ma che aveva bisogno di motivi speciali, alcuni dei quali segreti anche a me stesso.

    Una volta maturata in me la scelta di fare il Cammino, ci ho costruito intorno questo progetto culturale, una piccola utopia del Desiderio: essere trasparente e leggere negli occhi degli altri che cosa li spinga qui. E raccontare tutto questo con parole e canzoni.

    L’Etá del Pellegrino non ha etá anagrafiche ma è certamente adesso. Si puó fare il Cammino per mille motivi. Negli ultimi giorni, uno di questi  mi é caduto in testa come un masso, ma spinto da una forza serena, se non proprio lieta. Si chiama Lavoro. Alcuni di questi pellegrini non ce l’hanno piú: tolto da sotto i piedi, tanto per rimanere in tema.  Dubito si mettano a fare centinaia di chilometri di buon passo per chiedere al santo se può mettere una buona parola. Forse si muovono per consumare un tempo aurorale, lo spazio e il tempo di un nuovo inizio.

    Il Cammino è un percorso di significato, per chiunque. I pellegrini del Lavoro si muovono per fermarsi in quel corridoio di specchi, che ci fa considerare noi stessi come possibilità. Le persone sono le risorse.

    Cosí, re-impariamo a camminare. Essere pellegrini é anche essere un po’ pionieri, alla ricerca di un nuova canzone, una nuova idea, un nuovo lavoro, un nuovo gioco, un nuovo amore, un nuovo carburante, una nuova economia, un nuovo mondo. Da non dimenticare al 30´ km di fatica quotidiana.

     

    Incontro Josè Antonio sul cammino che porta a Trinidad de Arre, diretto a Pamplona. Sta seduto su una panca di pietra, davanti alla iglesia. Si accattiva subito la mia simpatia con una dritta preziosa: i rifugi per i pellegrini a Pamplona sono tutti chiusi, per la feria di San Firmìn. Fantastico saperlo dopo quasi venti chilometri di passo spedito. Poi ammicca e mi fa “hay uno abierto, cerca del Ponte

    Magdalena. Pero tienes que ir mas rapido”. E vabbè, più rapido di così! Facile detto da lui, che è uno che il lavoro l’ha lasciato sua sponte, per mettersi a fare il pellegrino di mestiere. Un pellegrino per vocazione. Anzi per intervento divino. Prima faceva il cuoco a Cadice, poi un bel giorno decide di mettere il suo mestiere a servizio sulle navi e si imbarca, a Capo Nord. Però la nave fa naufragio, i suoi compagni muoiono inesorabilmente e lui rimane in vita aggrappandosi per due giorni ai loro corpi. Dopo una roba così, un pellegrinaggio mi sembra il minimo (nei suoi panni avrei chiesto direttamente un counseling a tutti i santi).

    Ma lui ha deciso di dedicare la sua vita al pellegrinaggio mariano. E ormai sono passati più di dieci anni e i chilometri non si contano più. Josè tira fuori dallo zaino un faldone enorme, pieno di articoli di giornale su di lui. E’ una specie di celebrità, insomma. Credo che si sia fatto fuori un bella liquidazione, solo pellegrinando. Lui, comunque, non chiede nulla e, alla fine, due euro glieli dai.

    Cosí arrivo a Pamplona, mentre impazzano le fanfare di San Firmín, la cittá é trasfigurata, e la gente é davvero “in parte”, interamente vestita di bianco e rosso: bambini, chicos e chicas, adulti e anziani. Non si sgarra. Tutte le giornate organizzate intorno al toro, simbolo nazionale. Sono di scena los ensierros, le corse coi tori. E alla sera corride. E per chiudere, spettacolo pirotecnico. Certo é un po’ straniante finire in un carrozzone simile, durante il proprio pellegrinaggio a Santiago di Compostela. Peró il Cammino attraversa il paese “reale”, i villaggi, le cittá e le relative economie. E San Firmín é un affare d’oro.

     

    Il giorno seguente, sulla strada che conduce da Cizur Minor a Puente la Reina, vengo raggiunto da un ragazzo coreano, di nome Mint. Avete presente quegli orientali che sono degli specie di highlanders? Beh con loro é impossibile sbilanciarsi e indovinare un’etá. Mint potrebbe avere 17 anni come 30. Dopo qualche cenno per rompere il ghiaccio, mi racconta di essere tornato indietro da Puente la Reina per andare a Pamplona a correre coi tori. Complice la stanchezza e un sole fotonico, sbotto con un “ma che cazzo fai?! Why did you race with the bulls?!”. Risposta: “Bulls are slow”.

    Questa è la seconda settimana sulla “via francese” del Cammino di Santiago de Compostela. La prima se n’é volata via tra Pirenei (fantastica la tappa da St.Jean Pied de Port a Roncesavalles) e alta Navarra. Regione scolpita da uno scalpello incantato, tra valloni, boschi, e curve delicate, dove spuntano campi a grano o a girasoli.

    Cammina cammina, perché qui ti puoi perdere a guardare che razza di luci e orizzonti ci siano, in un’incontinenza emotiva, in una specie di spargimento del meglio di te su tutto ció che di bello appare alla tua portata.

    Comunque, il bilancio dopo la prima settimana consta di un asciugamano “tecnico” dimenticato all’albergue di Ponte la Reina (per la cronaca, era un prestito di un caro amico: scusa Silvio!), una ampolla (in spagnolo, vescica), una infiammazione del tendine d’Achille. Dunque posso dire di aver sperimentato tutto, con profitto! E, va da sé, velocitá di crociera sensibilmente ridotta e ferale ritardo sulla tabella di marcia. Ma chi se ne frega. Non si é qui per correre. Il Cammino insegna anche questo.

    L’ultima parte di Navarra se ne va tra rovine romaniche e  medioevali, esplosioni barocche e teatri di storiche battaglie carliste, come Puente la Reina.

    Sulla strada per Estella intravedo un puntino baluginante sotto un sole carnivoro, a una distanza indefinibile. E’ come un miraggio intermittente, sempre alla stessa distanza dal mio passo. Alla fine, per puro accanimento, riesco ad avvicinarmi e a distinguere che si tratta di un ombrellino, che procede con incedere da passista. Mi avvicino ancora, l’ombrellino sente il ticchettío delle mie racchette e si gira. E’ un uomo, piuttosto attempato. Tra tutti i metodi immaginabili per contrastare le intemperanze climatiche, ha adottato il metodo piú ovvio e geniale al tempo stesso. “Umbrella useful for rain, useful for sun!“. Cosí si presenta Peter. Brasiliano. Avvocato giudiziario, vicino alla pensione. Quella sará l’unica frase che dirá in inglese. Per il resto, ci capiremo con una mescola di portoghese e spagnolo. Andiamo a un passo telepatico, parlando delle cose piú assurde. Questa é una delle magie del Cammino. Incontri imprevedibili, con la solidarietá di una strada che é la stessa per tutti, e nessuna inibizione. Per un pezzo di strada si puó essere testimoni del racconto di una vita. Che gran regalo.

    C’è questo film di Akira Kurosawa, che si chiama “Dreams”. In uno degli episodi del film, un emozionato visitatore osserva il “campo di grano con corvi”  del Museo Van Gogh di Amsterdam. Il suo sguardo incantato ci trascina nei campi di Provenza, frequentati dal genio sfortunato negli ultimi anni cruciali di vita. E alla fine lo vediamo il maestro, sulla “scena del delitto”, mentre imprigiona sulla tela il paesaggio sulfureo e spettrale dei corvi incombenti, con i gesti convulsi di una locomotiva lanciata.

    La tappa che muove da Estella a Torres del Rio inanella scenari che potrebbero essere altrettanti quadri en plain air, tutti per gli occhi. Solo dopo capiró quale libidine possa essere stata questa camminata per Josè Manuel.  Ci conosciamo dopo alcuni vicendevoli scatti lungo il sentiero (un po’ come quando in auto si sorpassa solo per non avere altre auto vicine). Camminiamo da soli. Ci squadriamo un po’, con occhiate severe. Alla fine qualcosa gli dico. Alla fine qualcosa mi dice. E dopo dieci minuti stiamo parlando emozionati della sua grande passione per la pittura. Mi difendo annoverando le specificitá – tutt’altro che banali – della tecnica ad acquerello. Il bello è che José Manuel é il ritratto sputato di Paul Gaughin. Giuro. Come sempre, quando un incontro si fa intenso, vuoi non metterti a parlare del “primo amore”? Ed eccoci lí, a parlare di Vincent e delle sue notti stellate. Mi vengono in mente i versi di una canzone sulla quale sto lavorando adesso. Il ritornello dice “Fulgida stella, le cicatrici sono le stelle di Van Gogh”.

     

    Con Logroño inizia la regione autonoma della Rioja.

    Qui il re Sancho di Navarra diede nel secolo Dodicesimo il riconoscimento di Regione d’Eccellenza per la produzione del vino. Dunque vigneti a perdita d’occhio. Soprattutto nella bassa Rioja, zona capace di produrre 280 milioni di litri (!), su una superficie di 60,000 ettari di terreno. Di questo scatafascio di litri, l’85% consiste in varie qualitá di vino rosso. Il Cammino attraversa circa 60 km di Rioja. Facendo un calcolo della superficie coltivata a vite, se indulgessi in un assaggino per ogni cantina-cooperativa o azienda vinicola o museo enologico presente sul territorio, sarebbe questa la mia Finisterre.

    Alla prossima: ci aspetta l’intervista con il deserto. Ci aspetta la meseta.

    From Larrasoaña to Pamplona: km 20,01; steps: 48.164; playwish: “Caravan” as played by Michel Petrucciani

    From Pamplona to Puente la Reina: km 23,4; steps: 56.300; whatever by Lahasa de Sela

    From Puente to Lorca: km 8,6; steps: 20.476; “Lorca” played all by Tim Buckley

    From Lorca to Ayzgui: km 8,9; steps: 21,300; “Stranger than kindness” by Nick Cave

    From Ayzugui to Torres del Rio: km 27,5; steps: 67.262; original motion soundtrack from “Dreams” by Akira Kurosawa

    From Torres del Rio to Logroño: km 20,5 ; steps: 49.050; playwish: “Short side of nothing” by Los Lobos

    From Logroño to Navarrete: km 7,7 ; steps: 18.456; playwish: “Elvis Perkins in Dearland” played all by Elvis Perkins.

     

     

    Potrebbe interessarti

    • Tra passi, chilometri, canzoni, giubili e dolori, non è sempre facile tenere il vento in poppa. S'intende dolori "fisici", claro. Ma sul Cammino di Santiago vige la legge dei vasi comunicanti: ogni banale inconveniente fisico incide sullo spirito. In fondo, qui non si è molto altro che un corpo e…
    • Siamo di nuovo con Orlando sul Cammino di Santiago. Ci dispiace non poter pubblicare le foto del suo racconto, ma problemi tecnici momentanei non lo consentono. Potete vederle qui : fromorlandotosantiago.it e godere dei magnifici colori che riempiono gli occhi di Orlando. Se intanto riusciremo a risolvere il problema le caricheremo…
    • Ultimo capitolo del cammino di Orlando verso Santiago: da leggere d'un fiato, annullando le cose che vi circondano e immergendovi in Galizia, sull'erba a vedere che succede. "Tutto inizia da una panchina nel centro di Leon, insieme con Pier Paolo - giusto prima di entrare in quella cattedrale di luce…