Svizzera, un tour tra le terme

  • destinazione:
  • Itinerari

    Dalle Alpi sgorgano acque limpide e ricche di minerali sfruttate per le loro proprietà fin dall’epoca romana. Inoltre, la Svizzera è costellata da una moltitudine di sorgenti e impianti termali in posizioni meravigliose, sempre più apprezzate dai viaggiatori. Ecco un itinerario a tema (300 km) che attraversa il paese tra sorgenti e terme.

    Svizzera, il mitico Bernina
    Svizzera, il mitico Bernina

    È proprio a Scuol che si trova uno degli impianti termali più belli del paese. Dalla piscina esterna in autunno si possono vedere i monti già innevati tra le foglie dorate dei larici, il tutto immerso nella famosa luce splendente dell’Engadina, che conferisce al cielo un colore azzurro intenso.

    Poi dirigetevi verso Susch, da dove si prende il passo Flüela che collega l’Engadina con la valle del fiume Landwasser, a Davos, dove vedrete il lago da cui nasce. In alternativa, con la Ferrovia retica per Landquart dalla bassa Engadina attraverso la galleria della Vereina si arriva in un attimo a Klosters, e poi a Davos.

    A Lanquart fate una deviazione per Coira, capoluogo della zona, oltrepassate il centro abitato e seguite la valle del Reno da Reichenau a Ilanz, dove prenderete la vallata laterale in direzione di Vals, una delle poche località tedescofone di questa parte della Svizzera, dove si parla però anche la quarta lingua ufficiale: il retoromanzo. La cittadina è finita sulle prime pagine dei giornali proprio per via dei suoi impianti termali : sono stati progettati dal noto architetto svizzero Peter Zumthor, che li ha rivestiti con piatte lastre di quarzite di Vals, lo stesso tipo di pietra con cui sono fatti anche i tetti delle case di questa zona. Il risultato è un luogo che seduce con elegante semplicità. Fino a Ilanz si arriva con la ferrovia retica, il collegamento per Vals è gestito dagli autobus dell’Autopostale.

    Per riprendere il tragitto principale dirigetevi verso Ilanz ammirando la Gola del Reno, un grandioso canyon di rara bellezza. La meta successiva è Bad Ragaz, nel mezzo dei cosiddetti Bündner Herrschaft (in romancio Signuradi), i domini dei Grigioni, una parte della valle superiore del Reno caratterizzata da un clima mite, dove si producono altrettanto delicate varietà di Grauburgunder (Pinot grigio). I treni Thurbo e l’autostrada sfrecciano dritte fin qui. Nella Gola di Tamina, a sud di Bad Ragaz, le acque curative furono scoperte nel 1242. Grazie agli alberghi e ai ristoranti di alto livello, ai campi da golf e agli aerodromi, nonché alla vasta offerta di attività turistiche sia estive che invernali, Bad Ragaz si è guadagnata la fama di oasi di relax ed eleganza.

    Svizzera, tutta la poesia del lago

    Non può mancare una tappa al lago, poiché in Svizzera è evidente l’abbondanza delle risorse idriche anche grazie alla presenza di innumerevoli specchi d’acqua, uno più bello dell’altro. Incontrerete prima il Lago di Walenstadt, rinchiuso tra i massicci montuosi del Churfirsten e dell’Alvier; poi il più celebre Lago di Zurigo. Superata Zurigo vi imbatterete nella stazione climatica di Baden, che ha alle spalle una storia termale di 2000 anni. Le sue 19 sorgenti sono considerate le più ricche di minerali di tutta la Svizzera.

    La piscina per concludere il tour in bellezza è quella termale alla glauberite di Bad Zurzach: l’acqua della sua sorgente si mantiene sempre calda a 39°C ed è stata scoperta e utilizzata soltanto a partire dagli anni ’50.

    Potete ripercorrere il percorso al contrario interamente in treno, in auto oppure prendere un volo verso casa dal vicino aeroporto di Zurigo.

    Potrebbe interessarti

    • di Silvia Demick, The Food Traveler La Svizzera non è forse la prima destinazione che viene in mente quando si pensa al turismo enogastronomico. Tuttavia, quello che molti non sanno è che il piccolo paese ha un patrimonio culinario ricchissimo. Le ricette variano molto da un cantone all’altro: le divisioni…
    • Da una città come Zurigo ci si aspetta ordine, puntualità, rigore svizzero. Nel centro della città sicuramente sì, ma non lontano dalla centralissima Bahnhofstrasse – una delle vie più costose del mondo – c’è una zona dal passato torbido e dal presente molto vivace. di Silvia Demick, The Food Traveler Declino…
    • Dalle Gole dell'Alcantara in Sicilia, modellate dall'acqua e dal vento, al cuore verde del Portogallo, vi aspettano dieci escursioni memorabili a tu per tu con la natura d'Europa. E la cosa bella è che non occorre nemmeno essere particolarmente allenati per viverle! Sicilia, tra le Gole dell'Alcantara A meno di…