Tokyo, informazioni di viaggio dalla A alla Z

  • destinazione:
  • Informazioni pratiche

    Un vademecum veloce ed essenziale per affrontare il viaggio nella megalopoli giapponese, dalla nostra guida Tokyo.

    Tokyo Skyline
    Tokyo, iniziamo con qualche dritta

    Banche e cambio

    In Giappone il contante la fa da padrone, soprattutto fuori dalle città, ma anche in negozietti e locali di Tokyo. La cosa migliore è cambiare una consistente cifra di denaro appena arrivate all’aeroporto. Nelle banche le procedure fanno perdere molto tempo e ci sono pochi sportelli di cambiovaluta. Portate con voi una carta di credito (Visa, Mastercard) con il PIN per prelevare al bancomat, in modo da poter utilizzare quello degli uffici postali e dei negozi di generi vari 7-Eleven (presenti ovunque). Attenzione, comunque, perché le carte bancomat emesse non in Giappone in genere non funzionano.

     

    Capire e farsi capire

    Prima la buona notizia: a Tokyo la segnaletica nelle stazioni e sui mezzi di trasporto pubblico è comprensibile anche agli stranieri, perché i nomi sono scritti in alfabeto latino oltre che in caratteri giapponesi. Nella maggior parte dei treni gli annunci sono in giapponese e in inglese. E ora la notizia meno buona: anche nella capitale quasi nessuno parla una lingua straniera, nemmeno l’inglese. Quando fermate qualcuno per chiedere un indirizzo, molti giapponesi sono così a disagio che scappano via. Se trovate qualcuno che sa un po’ d’inglese in genere è pronto ad aiutare uno straniero.

     

    Documenti e visti

    tokyo_international
    Aeroporto internazionale di Narita, tutto inizia da qui

    Passaporto in corso di validità: all’arrivo ricevete un permesso di soggiorno di 3 mesi.

     

    Dogana

    Ogni viaggiatore deve compilare un formulario per la dogana (lo consegnano in aereo). Oltre ai bagagli, si può introdurre nel paese 400 sigarette o 100 sigari o 500 g di tabacco, così come 60 ml di profumo e 3 bottiglie di superalcolici o 2,28 l di bevande alcoliche (maggiori di 18 anni). Sono esenti da dazio inoltre tutti gli oggetti che abbiano un valore di mercato all’estero inferiore ai ¥200.000 (circa €1450). Al ritorno sono esenti da dazio le merci acquistate che non superino un valore di €430 e 200 sigarette, 50 ml di profumo, 1 l di superalcolici o 2 l sotto il 22% di alcol o una combinazione proporzionale di queste merci e 4l di vino e 16 l di birra. Consultate la Carta doganale del Viaggiatore su www.agenziadoganemonopoli.gov.it o il sito svizzero www.ezv.admin.ch. Il Giappone prevede concessioni doganali per le merci duty-free; Visit Japan Customs (www.customs.go.jp) per informazioni.

     

    Elettricità

    Il voltaggio in Giappone è di 100V. Gli apparecchi elettrici della maggior parte dei cellulari, dei computer e delle macchine fotografiche hanno un trasformatore che funziona con voltaggio compreso tra 100V e 240V, ma controllate bene prima di inserirli nella presa. Avete anche bisogno di un adattatore per le prese con i due piedini piatti. Attenzione agli apparecchi elettronici che comprate in Giappone: sinceratevi che funzionino anche a 230V, se no una volta a casa saranno inutilizzabili!

     

    Informazioni prima di partire

    Japan National Tourist Organization, JNTO
    L’Ente Nazionale del Turismo Giapponese ha un sito web in italiano con molte informazioni pratiche, suggerimenti di tour, feste e attività. Si può anche scaricare una piccola guida in italiano. Trovate tutto qui: www.turismo-giappone.it

     

    Periodo del viaggio

    Tokyo, un hanami da cartolina
    Tokyo, un hanami da cartolina

    Particolarmente piacevoli sono la primavera, quando fioriscono i ciliegi (marzo/ aprile) e l’autunno (novembre), con il tripudio di colori degli aceri e dei ginkgo biloba. Da evitare i mesi di luglio e agosto, quando Tokyo soffoca sotto un’insopportabile calotta afosa. L’inverno fino a dicembre è mite e soleggiato, mentre a gennaio-febbraio piove di più, con temperature sotto i 10°. L’ufficio meteo statale (www.jma.go.jp/en/yoho) dà informazioni su uragani in arrivo, attività sismiche e tsunami.

     

    Taxi

    tokyo_taxi
    Tokyo, la classe non è acqua

    C’è un’infinità di taxi, ma sono costosi. La tariffa per i primi due chilometri è di ¥730 (circa €5). Tra le 22 e le 5 a ciò si aggiunge un supplemento del 20%. I taxi però sono pulitissimi, i taxisti indossano guanti bianchi e la porta posteriore si apre e si chiude automaticamente (quindi non sbattetela!). Li si può fermare per strada: uno stemma luminoso rosso dietro il parabrezza indica che il taxi è libero, se è verde o non è acceso significa che è occupato.

     

    Trasporti pubblici

    I trasporti pubblici della città sono fermi dall’1 di notte alle 5 del mattino. Esistono linee ferroviarie e di metropolitana sia private sia pubbliche, ognuna con propri tornelli e biglietterie. Ricordate che se cambiate da una linea di metropolitana (Metro, Toei) a una delle ferrovie giapponesi (JR), il viaggio costa di più che rimanere sulla stessa rete di trasporti. Per non dover ogni volta comprare biglietti diversi, vale la pena di acquistare una tessera ricaricabile (alle macchinette o alle biglietterie) Suica o Pasmo (¥2000, compresa la cauzione). Avvicinando la contactless ai lettori potrete pagare la corsa in treno o in autobus, ma anche fare la spesa nei Convenience store.

     

    Volo

    Alitalia gestisce voli giornalieri per Tokyo in partenza da Milano Malpensa e Roma Fiumicino. Facendo uno scalo, potrete arrivare a Tokyo con molte altre compagnie aeree, tra cui Aeroflot (www.aeroflot.ru) con cambio a Mosca, Emirates (www.emirates.com) con cambio a Dubai ed Etihad (www.etihad.com) con cambio ad Abu Dhabi. Due delle principali compagnie aeree che offrono un’ampia rete di collegamenti interni sono Japan Airlines (tel 03-6733- 3062; www.jal.co.jp/en) e All Nippon Airways (tel 03-6741-1120; www.ana.co.jp). L’aeroporto internazionale di Narita si trova a circa 60 km a est del centro. Il percorso in taxi costa circa €210. Gli autobus arancioni dell’Airport Limousine (circa €25 | terminal Z 10, Suitengumae) portano in circa 70 minuti al Tokyo City Air Terminal (T-CAT) e agli hotel più importanti. Costano molto meno gli autobus Keisei (circa €7 | www.keiseibus.co.jp | metro M 17, Tokyo Station), che in un’ora vi portano alla Tokyo Station.

    Potrebbe interessarti

    • Un vademecum per iniziare a organizzare il vostro viaggio nella splendida capitale irlandese, dalla nostra guida Dublino. Auto, non è una buona idea A Dublino il traffico è molto intenso e i costi dei parcheggi sono alti. Entrare in città in auto o affittarne una spesso non è molto conveniente.…
    • Bella, romantica, piena di magia: Praga vi aspetta e con queste informazioni pratiche tratte dalla nostra guida iniziare il viaggio sarà ancora più facile.   Auto, don't drink & drive Nella Repubblica Ceca vige l’assoluto divieto di bere alcolici prima di mettersi al volante. Limiti di velocità: 50 km/h nei…
    • Che cosa sapere e che cosa può essere utile per organizzare un viaggio a Lisbona? Ve lo diciamo in questo articolo, dalla nostra guida. Autonoleggio A Lisbona trovate tutte le grandi compagnie internazionali (Hertz, Avis, etc.), ma se volete risparmiare provate l’agenzia InterRent che ha sede all’aeroporto e alla stazione…