Toscana: passione mototurismo!

  • destinazione:
  • Itinerari

    Il piacere di guidare nel vento, mentre il paesaggio scorre nell’inquadratura molto ravvicinata della vostra visiera: sì, la moto è il mezzo perfetto per esplorare un territorio e divertirsi, soprattutto se siete in giro per la Toscana! Abbiamo chiesto a Claudia Barbieri, blogger di vocedelverbopartire.com e appassionata mototurista, di raccontarci questa esperienza.

    Toscana, ancora una curva prima di sera!
    Toscana, ancora una curva prima di sera

    di Claudia Barbieri vocedelverbopartire.com

    La Toscana è una terra eclettica, che può essere esplorata in modi sempre diversi. Oggi voglio proporvi cinque mete, da scoprire a bordo di uno dei mezzi di trasporto che più amiamo: la moto. Un itinerario di mototurismo, permette di vivere un profondo rapporto con la strada e con i paesaggi: si crea una vera simbiosi con la moto ed il territorio. Riesci ad apprezzare in maniera più sensoriale ogni colore, profumo, mutamento.

    Con borghi e panorami tutti da scoprire, la Toscana si presta molto bene a questa esperienza. Il mio suggerimento è solo uno: lasciatevi guidare dalla curiosità!

    Toscana, dosate il gas su queste curve
    Toscana, dosate il gas su queste curve

    Il Chianti: le curve della SP222

    In un itinerario di mototurismo in Toscana, la meta per eccellenza è la Chiantigiana, la mitica SP222, che in molti definiscono una delle più belle tratte stradali del mondo. La strada che collega Siena a Firenze, attraversando la famosa area vitivinicola, a seconda della stagione si trasforma in una tavolozza di colori scintillanti! Durante un tour del Chianti, vi consiglio i borghi di Castellina in Chianti, Radda in Chianti. Fate anche una deviazione verso il Castello di Vertine, che sorvegliava attento la zona già intorno all’anno Mille.

    Nel Casentino, lasciate la moto e salite al Pratomagno!
    Nel Casentino, lasciate la moto e salite al Pratomagno

    Raggiolo, tesoro del Casentino

    Pittoresco borgo del Casentino, Raggiolo si trova adagiato alle pendici del Pratomagno. Lo si raggiunge attraversando una vallata ricca di colori. Raggiolo fa parte del circuito dei Borghi più belli d’Italia ed è un angolo di grande pace, un susseguirsi di stradine che salgono e scendono attraverso il paese. Il centro si popola soprattutto in autunno, durante la Festa di Castagnatura. Per approfondire il legame tra la gente di Raggiolo e la propria terra, consiglio una visita alle sedi dell’Ecomuseo della Castagna.

     

    Stia, avvolti da un pregiato panno

    Sempre nel Casentino, si trova la bella Stia famosa per la produzione di “panno casentino”: nei pressi del centro storico, l’antico lanificio è sede del “Museo della Lana”. La bellissima Piazza Tanucci racchiude con eleganza botteghe artigiane, trattorie e la sublime Pieve di Santa Maria Assunta, un vero scrigno di capolavori della storia dell’arte. Imperdibile una visita al vicino Castello di Porciano.

    Anghiari, benvenuti nel Medioevo!
    Anghiari, benvenuti nel Medioevo

    Anghiari, un tuffo nel Medioevo

    Ecco un’altra meraviglia inserita tra I borghi più belli d’Italia: Anghiari è uno di quei gioielli che non bisognerebbe assolutamente perdere. Mentre si attraversa la Valtiberina, lo sguardo verrà subito attirato dall’agglomerato di abitazioni in pietra addossate alla collina. Una volta all’interno del centro storico, l’ameno susseguirsi di vicoli stretti tra edifici dalle belle decorazioni floreali vi catapulterà direttamente nel Medioevo.

    Alpi Apuane, percorsi tra le cave di marmo
    Alpi Apuane, percorsi tra le cave di marmo

    Lunigiana: tra castelli e nobili marmi

    La Lunigiana è una regione storica a cavallo tra Toscana e Liguria. Poco battuta dal turismo, questa lussureggiante area racchiusa tra le Alpi Apuane e il Golfo dei Poeti, ha davvero tantissimo da offrire. Abbonda di castelli e se provate a contarli scoprirete che in quanto a distribuzione sul territorio non ha molto da invidiare a Irlanda e Scozia! Imperdibili Castel dell’Aquila a Gragnola e il Castello Malaspina a Fosdinovo. Percorrere le strade della Lunigiana significa imbattersi in borghi da sogno circondati da paesaggi fiabeschi.

    Potrebbe interessarti

    • Le carte regionali 1:200.000 coprono dettagliatamente tutto il territorio e comprendono tutte le località minori. Segnalano le località di interesse turistico, punti e strade panoramiche, i parchi e le aree naturali protette. Un ricco fascicolo interno con l'elenco di tutte le località indicate sulla carta, informazioni e numeri utili, tabella…
    • Un sentiero sterrato, una casolare, una piccola chiesa, una mandria di cavalli che pascolano liberi, una striscia di mare e il cielo azzurro: sembra una favola, eppure è realtà. Che cosa ci spinge a visitare questi luoghi? La natura? L’arte? La storia? Lo stile di vita? La risposta non può…
    • Dalle Gole dell'Alcantara in Sicilia, modellate dall'acqua e dal vento, al cuore verde del Portogallo, vi aspettano dieci escursioni memorabili a tu per tu con la natura d'Europa. E la cosa bella è che non occorre nemmeno essere particolarmente allenati per viverle! Sicilia, tra le Gole dell'Alcantara A meno di…