Una cena a Lucerna. La Svizzera che non ti aspetti!

  • destinazione:
  • A tavola - Vita in città

    di Silvia Demick, The Food Traveler

    La Svizzera non è forse la prima destinazione che viene in mente quando si pensa al turismo enogastronomico. Tuttavia, quello che molti non sanno è che il piccolo paese ha un patrimonio culinario ricchissimo.

    Lucerna è bellissima, ma vi prenderà anche per la gola!
    Lucerna è bellissima, ma vi prenderà anche per la gola!

    Le ricette variano molto da un cantone all’altro: le divisioni linguistiche e geografiche spesso rappresentano una linea di demarcazione anche per le tradizioni culinarie. Esiste comunque un denominatore comune: la qualità delle materie prime, l’influenza delle cucine dei paesi confinanti, e la varietà dei piatti.

    Con la sua posizione centrale nell’omonimo cantone svizzero, negli ultimi anni la città di Lucerna è diventata una delle mete turistiche più popolari di tutto il paese. Senza dubbio la ricchezza della sua gastronomia e la presenza di oltre 300 ristoranti hanno contribuito a questo primato.

    Antipasto a Lucerna
    Antipasto a Lucerna

    Un’ottima destinazione per l’aperitivo è la Rathausbrauerei: il Rathaus di Lucerna – l’edificio che ospita la giunta comunale – è sede di un birrificio dove è possibile bere una pinta di birra in riva al fiume, insieme a un bratwurst o a un pretzelSe arrivate in dicembre, gustate l’aperitivo in strada! È il periodo dei mercatini di Natale, dove più che altro si trovano bancarelle che vendono hot dog di stampo industriale. Tuttavia, accanto a uno dei tanti banchi di cappelli di lana cotta, sulla Franziskanerplatz c’è uno stand che vende i Flammkuchen, prodotti simili a piccole pizze rettangolari. Vengono impastati sul momento, farciti con cipolle, speck, patate e panna acida e cotti nel forno a legna. Un tempo i Flammkuchen venivano prodotti in Alsazia la domenica, quando gli abitanti dei villaggi si recavano al forno comune per cuocere il pane.

    Kapellbrücke, meravigliosa prospettiva!
    Kapellbrücke, meravigliosa prospettiva!

    Per la cena vera e propria ci si sposta nella centralissima Burgerstrasse, non lontano dal Kapellbrücke, il ponte di legno che attraversa il fiume Reuss. Qui si trova lo Stern, storico hotel con annessa stube fondato nel 1524. In cucina vengono utilizzati principalmente ingredienti locali, dalle verdure alla carne. Tutto è all’insegna della tradizione, a partire dall’edificio affacciato sulla piazza del mercato. In realtà, la tradizione viene vivacizzata con l’aggiunta di un pizzico di innovazione e modernità.

    Si inizia con un bicchiere di Prosecco e un cestino di diversi tipi di pane: alle noci, all’uvetta, al pomodoro. Poco dopo si passa agli antipasti, che vengono serviti in piccoli vasetti di vetro: si va da un minimo di due a un massimo di sette. Durante i mesi freddi sono ottimi il soufflé di formaggio di capra, la zuppa di zucca con pane tostato e bacon affumicato. L’ultimo antipasto è la Heusuppe, una minestra tipica delle zone di montagna a base di fieno, verdure e panna.

    Non è semplice prendere una decisione quando si arriva ai piatti principali: la scelta è tra l’Hacktätschli, un polpettone di carne vitello diffuso anche in Germania e in Austria e servito con patate e carote al forno; il Cordon Bleu di pollo, prosciutto e formaggio delle Alpi con verdure di stagione; la bistecca di maiale cotto nel burro al vin brûlé con patate al rosmarino.

    I dolci vengono serviti nuovamente nei barattoli di vetro: da non perdere la Haselnuss-Chöpfli, la mousse alla nocciola, e la Glühweinmousse, la crema al vin brûlé con arance candite.

    Si conclude il pasto con un bicchiere di Vieille Prune, un distillato di prugne prodotto in un piccolo villaggio poco distante da Lucerna.

    Potrebbe interessarti

    • Meta ideale per ogni vacanza, la Svizzera incanta ovunque. Le peculiarità culturali, la bellezza del paesaggio e della natura: il tramonto sul Lago dei Quattro Cantoni e la vista del Cervino, la famosa strada sul passo del Majola. che collega la mondanità sfavillante di St. Moritz alla zona più rurale…
    • Dalle Alpi sgorgano acque limpide e ricche di minerali sfruttate per le loro proprietà fin dall’epoca romana. Inoltre, la Svizzera (qui trovi la nostra nuova guida) è costellata da una moltitudine di sorgenti e impianti termali in posizioni meravigliose, sempre più apprezzate dai viaggiatori. Ecco un itinerario a tema (300…
    • Le carte con scala 1:300.000 coprono ampie porzioni di territorio mantenendo un alto dettaglio sulle le località minori e strade secondarie. Segnalano le località di interesse turistico, punti e strade panoramiche, i parchi e le aree naturali protette. Un ricco fascicolo interno con l'elenco di tutte le località indicate sulla…