Viaggiare a piedi

  • destinazione: - - - - -
  • Itinerari

    Mettersi in cammino vuol dire predisporsi a una conoscenza diversa del mondo: per incontrare e incontrarsi, stimolare la curiosità ed esplorare i sentieri del mondo, affrontare ostacoli e imprevisti, essere impegnati sia dal punto di vista fisico che mentale.

     

    Molte associazioni organizzano itinerari guidati di diversi livelli, per camminatori più o meno allenati, in gruppo o in modo autonomo, per scoprire in modo diretto la destinazione di viaggio prescelta e vivere esperienze autentiche a contatto con la natura e la cultura della propria meta.

    Fino a dove posso arrivare?

    Viaggiare a piediNon ci sono limiti! Esistono itinerari di ogni difficoltà e per ogni età. E naturalmente anche a tema: per chi vuole immergersi nella natura, in montagna o al mare, con i bastoncini da nordic walking o con le racchette da neve, in estate o in inverno, percorsi urbani in città, grandi viaggi all’estero, su antiche vie, per solidarietà, per interesse storico, ma anche con intenti più introspettivi e di scoperta di sé.

    Ci sono dei vantaggi nel viaggiare a piedi?

    Camminare promuove il turismo responsabile, favorisce il contatto con la natura e non inquina: fa diventare viaggiatori invece che turisti.

    Aiuta a socializzare, diverte e valorizza l’incontro.

    È rilassante: perché fa scoprire il silenzio, abbandonare lo stress e le ansie quotidiane. Aiuta a distinguere tra superfluo e necessario, nel cibo, nell’igiene, nelle comodità, oltre ad accentuare lo spirito di adattamento.

    È di grande beneficio alla salute: migliora l’equilibrio psicofisico e il sistema circolatorio, aiuta a gestire lo stress, aumenta la resistenza, aiuta a dimagrire, rinforza il sistema immunitario e tonifica i muscoli.

    Equipaggiamento: le basi

    che cosa mettere in valigia
    Che cosa metti in valigia?

    Zaino (30 litri per un giorno, 40-60 litri per itinerari maggiori):

    – limitarsi all’essenziale,

    – riempirlo in modo equilibrato,

    – mettere sul fondo le cose più pesanti.

    Bastoncini:

    – danno supporto, equilibrio e bilanciamento nella camminata.

    Scarponi e calze:

    – sono di fondamentale importanza per comfort e sicurezza,

    – allacciate bene le calzature.

    Abbigliamento:

    – vestirsi a strati,

    – usare magliette tecniche traspiranti,

    – giacca e pantaloni devono essere impermeabili,

    – non dimenticate guanti, berretto, occhiali da sole.

    Per approfondire > http://www.trekkingitalia.org/educazione/vestirsi

    Cosa si trova nel cinema e nella letteratura?

    Abbiamo fatto un piccolissima selezione di titoli che ci sono piaciuti, ispirati ai cammini e al viaggio a piedi.

    Film

    Basilicata coast to coast, Rocco Papaleo, 2010: un gruppo musicale si mette in cammino per attraversare la piccola regione italiana. Un’avventura terapeutica e divertente dal Tirreno allo Ionio.

    The Way – Il cammino per Santiago, Emilio Estevez, 2010: un padre vuole portare a compimento il cammino dove il figlio ha trovato la morte.  

    Tracks – Attraverso il deserto, John Curran, 2013: la storia vera di una ragazza che nel 1977 decise di attraversare a piedi il deserto australiano.

    On the Road, Walter Salles, 2012: basato sul romanzo autobiaografico Sulla strada di Kerouac, baluardo della letteratura di viaggio.

    Into the Wild – Nelle terre selvagge, Sean Penn, 2007: il viaggio verso l’Alaska di un neolaureato alla ricerca di se stesso è una storia vera raccontata da Krakauer nel romanzo Nelle terre estreme.

    Libri

    I diari della Via Francigena: da Canterbury a Roma sulle tracce di viandanti e pellegrini, Enrico Brizzi, Marcello Fini, Ediciclo, 2010: un diario di viaggio illustrato.

    A piedi, Paolo Rumiz, Feltrinelli, 2012: il diario di viaggio che invoglia i ragazzi a mettersi in marcia.

    Le vie dei canti, Bruce Chatwin, Adelphi, 1988: un grande viaggio nel profondo dell’Australia.

    Vagabonda nel Turkestan, Ella Maillart, EDT, 2010: un viaggio si trasforma in un reportage da luoghi mitici.

    Cammino di Santiago, Andreas Drouve, EDT, 2014: la guida tascabile aggiornata da avere sempre con sé!

    Link utili

    Nei siti che elenchiamo abbiamo trovato molte informazioni utili sull’organizzazione e le mete. Fateci un giro per scoprire quante mete sono a portata di piede 🙂

    www.traterraecielo.it 

    www.trekkingitalia.org

    www.cammini.eu

    www.movimentolento.it

    www.pandatrek.it

    www.waldenviaggiapiedi.it

    www.deepwalking.org

    www.zeppelin.it

    Potrebbe interessarti

    • Orlando è un camminatore-cantautore (più cantautore che camminatore, come ci tiene a precisare :-)) in diretta dalla strada direzione Santiago. Ogni lunedì lo seguiremo per capire dove è arrivato, gli incontri che ha fatto, le difficoltà e le sorprese in cui si è imbattuto. Puntata numero 1: da St. Jean Pied…
    • Una definizione Si chiama turismo responsabile ed è “attuato secondo principi di giustizia sociale ed economica e nel pieno rispetto dell’ambiente e delle culture. Riconosce la centralità della comunità locale ospitante e il suo diritto a essere protagonista nello sviluppo turistico sostenibile e socialmente responsabile del proprio territorio. Opera favorendo…
    • Seconda puntata del cammino di Orlando verso Santiago: i suoi 280.000 passi verso e attraverso la meta. Tutte le utopie hanno sempre un costo terribilmente reale. Penso a Woody Allen che sogna Freud e gli dice "rivoglio indietro i miei soldi". Cosí, in certi momenti, mi scopro a dire "rivoglio…